A- A+
PugliaItalia
Arslan

Il Centro Studi Hrand Nazariantz di Bari sarà partner del Club Lions “Bari Isabella d’Aragona” il giorno 8 giugno, alle ore 18.00, presso la Sala Consiliare del Comune di Bari, di un incontro con Antonia Arslan sul tema “Da La masseria delle allodole a Il libro di Mush – Tragedia e speranza del popolo armeno”. 

La Arslan autrice del primo romanzo popolare sulla tragedia del genocidio armeno.  "Nei suoi libri - ricorda il presidente del Lions Club Carlo Attili - descrive con toni accorati e nostalgici la vita del popolo armeno prima e durante la tragedia del genocidio, mentre nel suo ultimo lavoro narra le vicende del libro di Mush, vero e proprio capolavoro di arte e di fede, perduto nell’incendio di un convento, ritrovato e messo in sicurezza dopo una epica marcia di salvezza." 

Antonia Arslan torna in Puglia a distanza di pochi mesi dal precedente incontro a Monopoli  dello scorso Febbraio, a testimonianza del solido legame con la Comunità Armena Pugliese e con il Centro Studi Hrand Nazariantz di Bari.

---------------

Antonia Arslan, laureata in archeologia, è stata professore di Letteratura italiana moderna e contemporanea all'università di Padova. 

Attraverso l'opera del grande poeta Daniel Varujan, del quale ha tradotto (con Chiara Haiganush Megighian e Alfred Hemmat Siraky) le raccolte "II Canto del Pane"(1992) e "Mari di grano"(1995), ha riscoperto la sua profonda e inespressa identità armena (il vero nome della sua famiglia è infatti Arslanian).

"La Masseria delle Allodole", è il suo primo romanzo, con cui ha vinto il Premio Campiello 2004. In questo sconvolgente libro, Antonia Arslan attinge ai ricordi familiari per raccontare la tragedia di un popolo “mite e fantasticante”, gli armeni, e la struggente nostalgia per una terra e una felicità perdute. 

La masseria delle allodole è la casa, sulle colline dell’Anatolia, dove, nel maggio 1915, all’inizio dello sterminio degli Armeni da parte dei Turchi fra massacri, morte e disperazione  tre bambine e un “maschietto-vestito-da-donna” salperanno per l’Italia, dove li accoglierà lo zio Yerwant, nonno dell’autrice, “colpevole di essere sopravvissuto”, perché emigrato giovanissimo.

L'interesse per questo libro stato notevole e l'autrice ha ottenuto vari riconoscimenti quali il "Premio Letterario della Poesia Religiosa" in Campania ed il "Premio del libraio, citta’ di Padova 2005".

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
masseriaallodolemusharslanarmenialions
i blog di affari
"Fermate il decreto": anche PIN scrive al Presidente della Repubblica
Super Green Pass, arriva il giorno della discriminazione sotto forma di legge
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Alla pubblicità serve un nuovo format, il Carosello 2.0
di Daniele Salvaggio, Imprese di Talento
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.