A- A+
PugliaItalia
Bray

E’ la Puglia più vivace e più percepita nell’immaginario comune più recente. Quella identificata dal ritmo ossessivo e stimolante della Taranta. Un pungolo che Massimiliano Bray, a cui Enrico Letta ha deciso di affidare il Ministero dei Beni Culturali, conosce bene: quale timoniere del CdA della Fondazione “La Notte della Taranta”.

Radici salentine, formazione fiorentina e adozione capitolina, Bray ha maturato la sua esperienza professionale presso l’Istituto dell’Enciclopedia Treccani, fino a diventarne Direttore Editoriale. Ma a caratterizzarne il taglio innovativo è l’apertura al web, da lui stesso curata, di quel patrimonio culturale nazionale rappresentato dalla Treccani. Conciliando gestione e tecnologia nell’affascinante mondo dei “beni culturali immateriali”.

Massimiliano Bray, da poco approdato a Montecitorio nelle file del PD, è anche direttore responsabile di Italianieuropei, la rivista edita dall’omonima Fondazione di cultura politica, nata su iniziativa di Massimo D'Alema che ne è il presidente.

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
puglialeccebraytreccanitarantaitalianieuropeid'alema
i blog di affari
Reddito di cittadinanza, chi lo percepisce non ottiene l'assegno divorzile
di Francesca Albi*
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.