A- A+
PugliaItalia
Lettieri
“Sul caso Bridgestone abbiamo sostenuto, sin dall’inizio, con atti concreti, la linea del confronto e della proposta, a cominciare dagli aspetti che riguardavano i costi della logistica e dell’energia, anziché quella dello scontro a tutti i costi e dell’Aventino condito solo di rivendicazioni", ha dichiarato in una nota Luigi d’Ambrosio Lettieri, coordinatore PdL Grande Città di Bari.

"Per fortuna ha prevalso il senso di responsabilità di tutti - ha poi aggiunto -, ma più di tutti, sicuramente quello dei lavoratori, il cui atteggiamento costruttivo, come sottolinea giustamente l’ad di Bridgestone Europe, è stato determinante per la chiusura dell’accordo".

"Ma proprio perché sono i lavoratori ad aver dimostrato - nonostante le difficoltà e la prospettiva di restare senza lavoro con l’annunciata chiusura irreversibile dello stabilimento - grande equilibrio e determinazione e saranno sempre i lavoratori a sentire sulla propria pelle gli effetti dell’accordo siglato stamane al Mise che, tra mobilità per 377 dipendenti, due anni di cassa integrazione in deroga e nuovi turni di lavoro, non sarà una passeggiata, non vogliamo lasciarci andare agli entusiasmi e a meri commenti di soddisfazione".
 
"Gli attori istituzionali non sono chiamati a questo, ma hanno il dovere di garantire trasparenza e chiarezza, oltre che tutela delle parti più deboli e politiche lungimiranti per l'intero sistema produttivo. Ci aspettiamo, quindi, che in particolare la Regione Puglia, ma anche il Comune di Bari, non solo, come promesso, mantengano alta l’attenzione  e vigile il controllo per scongiurare qualsiasi ulteriore sacrificio a carico dei lavoratori, con la convocazione trimestrale del tavolo regionale per monitorare lo stato di attuazione dell’accordo. Ma, altresì, pongano in essere serie iniziative di rilancio del sistema produttivo, con riferimento nello specifico alla zona industriale del capoluogo pugliese".
 
"Sedersi sugli allori di un accordo auspicato, ma raggiunto sulla base purtroppo di una posizione di sostanziale debolezza rispetto a politiche locali di settore discutibili, se non assenti, può solo favorire un processo di smantellamento se riveste i connotati del pannicello isolato messo a caldo in una sola direzione. Vanno, invece, accesi i riflettori su una visione d’insieme del problema imprenditoriale e sulla necessità di interventi mirati per rendere attrattiva tutta l’area”.
Tags:
d'ambrosio lettieribridgestoneaccordolavoratori
i blog di affari
Reddito di cittadinanza, chi lo percepisce non ottiene l'assegno divorzile
di Francesca Albi*
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.