A- A+
PugliaItalia
Brindisi

Brindisi - La Corte d'Assise di Brindisi, presieduta dal giudice Domenico Cucciara, ha pronunciato la sentenza  sull'attentato alla scuola Morvillo Falcone di Brindisi del 19 maggio 2012: è ergastolo per Giovanni Vantaggiato. Nell’attentato perse la vita la sedicenne Melissa Bassi e rimasero ferite altre nove persone, tra studenti e passanti. "Abbiamo avuto un po' di giustizia – ha dichiarato subito dopo la mamma della ragazza uccisa -, ma niente ci restituirà nostra figlia. Melissa la portiamo nei nostri cuori. Al momento delle sentenza il primo pensiero è stato per lei". Ed ha aggiunto: “Noi abbiamo sempre creduto nella giustizia''.

LEGGI/ Il pm: "Vantaggiato simula l’incapacità di intendere"

Cinque ore di camera di consiglio ed un calvario lungo 19 udienze hanno portato ad una sentenza, che lascia pienamente soddisfatto il procuratore capo della Direzione distrettuale, Cataldo Motta: “Sono soddisfatto anche e soprattutto finalità per l'aggravante della finalità terroristica”. Aggravante che permetterà alle vittime sopravvissute alla tragedia di usufruire del fondo per le vittime del terrorismo.

LA STORIA/ La confessione di Vantaggiato

Sabrina Ribezzi, una delle studentesse ferite, ha dichiarato: "Da domani voglio tornare a essere una studentessa normale, come tutte le altre". Il legale di Vantaggiato intanto, Franco Orlando, il quale ha parlato del suo assistito nell’arringa finale come di “un paranoico con disturbi della personalità, che non escludono i momenti di lucidità nella preparazione degli attentati e nell'atteggiamento tenuto dopo l'arresto e durante la detenzione preventiva”, non ha escluso di ricorrere in appello.

Tags:
brindisivantaggiatoergastolomorvillo-falcone
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.