A- A+
PugliaItalia
Capitanata: la Mafia come l'Isis Esplosivo alla Villa di Faragola

Uno scempio. Lo sfregio violento e volgare verso una delle realtà più belle di Puglia e della Capitanata. Quando "l'Isis" è tra di noi! Delinquenti o vandali hanno incendiato il parco archeologico della villa romana di Faragola Puglia ad Ascoli Satriano (Fg), la stessa dove furono rinvenuti i famosi "Grifoni".


 

"Mi giungono notizie sconfortanti", commenta da Kuala Lumpur (Malesia) Giuliano Volpe, "Mosaici danneggiati irrimediabilmente, marmi cotti, calcinati per il calore, strutture murarie distrutte! E' la fine. L'oscillum decorato con la figura di danzatrice presente nello stibadium asportato, rubato. Soprattutto sembra un intervento programmato, ben studiato, fatto da persone esperte, hanno fatto in modo che tutto fosse distrutto in maniera sistematica".

"Restano ormai - prosegue amareggiato Volpe - solo, oltre ai pochi oggetti portati al museo (la statua di bambino cacciatore, i tre pannelli in opus sectile per fortuna asportati per essere restaurati) e ai materiali nei nostri laboratori, i nostri studi, le foto, i video, i disegni, la nostra memoria e la passione per un sito straordinario". Giuliano Volpe è l'archeologo che avviò e guidò i primi scavi di Villa Faragola, oltre ad essere protagonista del recupero dei Grifoni dagli Stati Uniti, nonchè Presidente del Consiglio Superiore Beni Culturali e Paesaggistici del MIBACT.

Il suo sigillo su Twitter: "I longobardi non avevano distrutto la villa di , le avevano dato nuova vita e nuove funzioni. I nuovi barbari l'hanno incendiata!"

"Incendio doloso degli scavi archeologici di Villa Faragola", dichiara il sindaco Vincenzo Sarcone, che poi si chiede: "Vi era un interesse o è un atto intimidatorio? Spero che i responsabili vengano al più presto assicurati alla giustizia".

"Hanno incendiato anche il container di servizio - aggiunge il Sindaco - sono persino visibili le macchie di gasolio a terra sulla breccia".

Sconvolgentil contrasto tra le immagini suggestive dei lavori, durante gli scavi, e quelle angoscianti di queste ore dopo l'incusrsione devastante dei vandali.

Grifoni AscoliS
 

“Non possiamo che provare rabbia e sconforto per un evento che colpisce un fiore all’occhiello della Capitanata come l’incendio del sito archeologico di Faragola", dichiara il vicepresidente del Consiglio regionale, Giandiego Gatta​, "Tuttavia, bisogna constatare che l’evento sia stato possibile anche per l’assenza di controlli e di gestione del sito, di cui si attendeva la ripresa dei lavori per il completamento delle opere necessarie".

"Confidiamo nella Magistratura - aggiunge Gatta - affinché gli eventuali responsabili del gesto sciagurato vengano assicurati alla giustizia. Nel contempo, però, ritengo opportuno affrontare la questione anche in sede di Commissione regionale di studio e di inchiesta sul fenomeno della criminalità organizzata, perché potremmo, in una fase di dialogo e confronto con tutti gli operatori del settore, dedurre importanti spunti per garantire la sicurezza anche in inestimabili realtà culturali”.

(gelormini@affaritaliani.it)

------------------------------- 

Pubblicato sul tema: Incendio doloso Villa Faragola: i commenti di E. Gentile, L. Capone, R. Barone

Iscriviti alla newsletter
Tags:
ascoli satriano capitanata villa faragola mafia isisgiuliano volpevincenzo sarconesindaco foggia gargano esplosivo
i blog di affari
Lo Sportivo Straniero in Italia: Importante Convegno
Mascherina all'aperto, simbolo dell'alienazione e uniforme dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green Pass più esteso per i guariti dal Covid: appello al Governo
L'opinione di Tiziana Rocca
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.