A- A+
PugliaItalia
Bari – Un voto favorevole attribuito per errore al capogruppo della Puglia Prima di Tutto? La bufera nel centrodestra regionale potrebbe rientrare a tempo di record dopo le ultime evoluzioni del post Bilancio. Dalla tolda di comando del Pdl Ignazio Zullo aveva tuonato in mattinata contro i dissidenti Surico e De Biasi, rei di aver accordato il lasciapassare al documento finanziario dell’esecutivo in disaccordo con la linea decisa dall’opposizione, chiedendo loro di uscire allo scoperto e fare un “gesto di dignità” sollevando la coalizione “dall’imbarazzo”.
 
 
E se l’ex Fli Surico, ora approdato tra le fila di Puglia Protagonista e ufficialmente nel Misto in Via Capruzzi, aveva rivendicato il proprio disco verde motivandolo con il “senso di responsabilità”, non aveva risparmiato nemmeno una puntura allo stesso Zullo: “Sono all’opposizione e vi rimango”, aveva precisato, ma “tengo a sottolineare che non ho avuto alcun problema a stigmatizzare la fuoriuscita dal Pdl, non ne ho sentito la necessità, fino a quando l’impareggiabile Rocco Palese ha guidato la coalizione. Con Palese era impossibile non avere un percorso di condivisione perché era persona lucida, corretta e sempre pronto a lavorare in modo costruttivo sui fatti”. E De Biasi? Il capogruppo del Movimento di Fitto sarebbe stato addirittura assente dall’Aula al momento del voto, almeno a quanto dichiara il suo coordinatore Tato Greco: “Mai avrebbe votato a favore di un provvedimento di Bilancio proposto dal Governo Vendola e, infatti, non lo ha fatto perché ieri al momento del voto egli non era in Aula, come tutti in Consiglio hanno potuto constatare”, blinda, rispedendo la palla al Presidente del Consiglio, Onofrio Introna, al quale chiede chiarimenti in merito al responso falsato messo agli atti.
 
 
Crisi-lampo chiusa nella minoranza, dunque, e parola all’Ufficio di Presidenza. Lanzillotta prova a gettare acqua sul fuoco, riconoscendo al Pdl la volontà di “favorire una grande coalizione tra ‘moderati’ che sia in grado di rappresentare le reali esigenze del Paese” ma il presidente del suo gruppo non è ugualmente lieve con il socialista a capo dell’Assemblea: “Perché la volontà di De Biasi di chiarire un dato politico-istuzionale di estrema rilevanza come il voto sul rendiconto non è stata recepita da un Presidente del Consiglio che vanta lunga esperienza politica ma anche tanta saggezza? Quale gioco perverso si nasconde in tutto ciò?”, poi attacca: “Il Consiglio Regionale non è una cantina”.
 
(a.bucci1@libero.it)
Iscriviti alla newsletter
Tags:
pdlpuglia prima di tuttosentenzagrecofittozullopalesesuricoflifinibilanciovendola
i blog di affari
Green Pass più esteso per i guariti dal Covid: appello al Governo
L'opinione di Tiziana Rocca
"No Green Pass esclusi dalla vita sociale come se non fossero cittadini"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Caso Beccaglia: "Io, donna e medico, dico che non è violenza sessuale"
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.