A- A+
PugliaItalia
Copagri Puglia: PSR, dopo sentenza TAR annullare Bando misura 4.1A

Dopo la sentenza del Tar Puglia che ha annullato le graduatorie della Misura 4.1a PSR 2014/2020 la Copagri Puglia ribadisce quanto aveva proposto in più circostanze,  la richiesta di annullamento del bando e la riproposizione di nuovi bandi che superano le criticità emerse nei ricorsi, (su tutti i parametri di riferimento per la verifica della redditività). E’ l’unica modalità in grado di fornire tempi certi ed evitare che le risorse comunitarie vengano perse ed è in grado di garantire la legittimità delle spese sostenute per le aziende beneficiarie. 

COPAGRI

Il Presidente Tommaso Battista incalza sulla posizione della Copagri in ordine all’annullamento dei bandi: “Se la Regione avesse affrontato questa ipotesi nei tempi in cui la Copagri l’aveva proposta, (già a marzo del 2018) ad oggi la situazione, sarebbe completamente diversa. I preoccupanti dati di attuazione del PSR che Copagri ha sempre evidenziato, peraltro sempre smentiti in evidente contrasto con i dati ufficiali forniti da Agea dove la Regione Puglia risultava essere il fanalino di coda in termini di spese, sono il risultato di una gestione scellerata".

tommaso battista

"La situazione dei ricorsi, peraltro non riguarda solo la Misura 4.1a - precisa Battista - ci sono anche la Misura 4.2 investimenti per la trasformazione, la misura 6.1 giovani,  la misura 6.4 agriturismo per non parlare della misura 4.4 e della Misura 10.2. Non si può imputare la responsabilità di questa situazione alla litigiosità dei pugliesi, sarebbe una falsità".

"Sono tutti bandi che hanno vizi procedurali - prosegue il presidente di Copagri Puglia - per cui chiediamo l’annullamento e su cui il TAR è chiamato nei prossimi mesi a pronunciarsi, ma se la Regione si ostina a proseguire nei propri errori, rifiutando di procedere all’annullamento in autotutela, ci ritroveremo con un’altra beffa per il mondo agricolo pugliese".

PSR RGB

"Non dimentichiamo che il disimpegno è stato evitato proprio per la presenza di contenziosi. L’annullamento per motivi giudiziari con lo slittamento dei tempi che ne derivano, non comprometterebbe le risorse assegnate, in caso contrario si porrebbe il problema delle aziende che hanno sostenuto delle spese e che a seguito della sentenza del TAR risulterebbero escluse. Questa situazione - cunclude Battista -era evidente ormai da troppo tempo averla ignorata è una grave responsabilità politica  che non trova più alibi e giustificazioni”.

(gelormini@affaritaliani.it)

Pubblicato sul tema: PSR misura 4.1.A TAR annulla graduatoria Di Gioia: 'Emiliano faccia mea culpa'

                                    PSR, sentenza TAR: le precisazioni di Gianluca Nardone e la replica a Di Gioia

Loading...
Commenti
    Tags:
    copagri puglia bando tar psr nuovi parametri criteritommaso battistasentenza
    Loading...
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Proroga rottamazione: soddisfazione di Camera Civile Salentina
    Papa Francesco e il vangelo secondo Soros: attacca i ceti medi, non i padroni
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Alfio Bardolla: sarà online il suo Wake Up Call del 12-13-14 febbraio 2021
    Redazione Trendiest News
    i più visti

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.