A- A+
PugliaItalia
Barletta

Il gup tribunale di Trani, Francesco Zecchillo, ha preso una decisione: i 15 imputati per il crollo della palazzina di via Roma, avvenuto a Barletta il 3 ottobre 2011, sono stati rinviati a giudizio.

LEGGI/ Barletta, crollo della palazzina: la storia

Il processo, che comincerà il 4 luglio, servirà a far luce sulla tragedia che ha travolto e stretto nella commozione la nazione: le operaie Giovanna Sardaro, Tina Ceci, Matilde Doronzo e Antonella Zaza, e la figlia tredicenne del proprietario del maglificio hanno perso la vita, citando le parole del pm Giuseppe Maralfa, a causa di “imprudenza, negligenza, imperizia e inosservanza di leggi, regolamenti, ordini e discipline”. Impossibile dimenticare le dichiarazioni dei parenti: “Era gente che lavorava per sopravvivere". "Mia nipote – aveva spiegato uno dei parenti - di 33 anni prendeva 3,95 euro all'ora, mia nuora quattro euro: lavoravano dalle otto alle 14 ore, a seconda del lavoro che c'era da fare. Avevano ferie e tredicesima pagate, ma senza contratto. Quelle donne lavoravano per pagare affitti, mutui, benzina, per poter vivere, anzi sopravvivere". Mali che attanagliano, ancora oggi, gran parte dei luoghi di lavoro, dei cantieri e dei centri storici d’Italia, nell’incapacità di reazione del cittadino stesso alcune volte. Incapace di cogliere il malcostume, dove l’uso e la quotidianità finiscono per sostituire la norma ed il rispetto della legge.

Degli imputati, 14 sono accusati di disastro colposo, omicidio colposo e lesioni colpose. La società proprietaria dell'area adiacente, inoltre, è coinvolta negli stessi reati per responsabilità amministrativa: il proprietario del cantiere, Cosimo Giannini; i fratelli Salvatore, Andrea e Giovanni Chiarulli, ai lavori di demolizione; Antonio Sica, sostituto del proprietario nel cantiere; i tecnici Giovanni Paparella, Pier Fortunato Ceci e Vincenzo Zagaria, che si occupavano della progettazione o della sicurezza per la Giannini srl; i dirigenti e funzionari comunali Francesco Gianferrigni, Valeria Valendino e Rosario Palmitessa; i vigili urbani Giovanni Andriolo e Alessandro Mancini ed il geometra del Comune, Roberto Mariano.

Anche il Comune di Barletta, che è stato chiamato in causa anche come responsabile civile, è tra le quarantadue parti civili ammesse nel giudizio.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
barlettacrolloimputatigiudizionegligenza
i blog di affari
Il New York Times minimizza l'omicidio del ricercatore italiano Davide Giri
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Italia 2^ in UE per abbandono universitario
Massimo De Donno
Super Green Pass, boom di disdette: la distruzione di economia e lavoro
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.