A- A+
PugliaItalia
Lettieri

"Quella di oggi è la vittoria di tutti, soprattutto dei lavoratori della Bridgestone che ad oltranza, senza mai mostrare un cedimento, con grande responsabilità ed orgoglio per la propria professionalità, hanno  saputo difendere non solo i propri diritti e il posto di lavoro, ma anche la propria dignità. Accanto, hanno avuto tutte le forze politiche che, sia a livello parlamentare che regionale, hanno sostenuto con grande unità di intenti questa giusta battaglia. La disponibilità dei vertici di Bridgestone a trattare è certamente un primo importante passo in avanti, ma, naturalmente, non bisogna abbassare la guardia. Adesso è necessario che i tavoli tecnici annunciati producano l'esito positivo dell'obiettivo finale: non far chiudere la Bridgestone di Bari.

Per questo, occorre molta prudenza, nella consapevolezza che solo il confronto e la disponibilità reciproca di ascolto potrà portare alla conclusione positiva della vertenza, nell'interesse dei lavoratori e del territorio. Bene, dunque, la sospensione della campagna di boicottaggio. Bene anche l'azienda che ha mostrato responsabilità sociale. Adesso avanti tutta con la valutazione nel merito delle misure per non chiudere, considerate le ragioni di mercato addotte dalla Bridgestone e ritenute valide dal Governo.

Regione e Comune siano impegnate nello sciogliere i nodi oggettivi che investono il settore industriale che a Bari trova irrisolte diverse problematiche e ascoltino il grido di dolore sollevato nei giorni scorsi anche da diversi imprenditori con sede nella zona industriale del capoluogo.

Non si può mettere la testa sotto la sabbia per accorgersi poi che c'e chi fugge. Gli imprenditori hanno ragione: il distretto industriale tra Bari, Modugno e Bitonto è terra di nessuno, senza servizi, alla mercé di bande di ladri, con trasporti e segnaletica insufficienti, burocrazia opprimente e costi alti: una fotografia che somiglia più ad un labirinto in cui è facile perdersi che ad una zona votata allo sviluppo e alla produzione. In questo quadro, le imprese che resistono hanno vita difficile.

È ora, dunque, che la politica dia risposte concrete. Il PdL, anche se in questo momento è forza di opposizione a Bari e in Puglia, è pronto ad incontrare gli imprenditori per approfondire le problematiche evidenziate e avviare una interlocuzione produttiva che declini i contenuti di una proposta programmatica per il rilancio della vocazione industriale sostenibile di una città come Bari, che siamo certi esista, ma è stata soffocata dalla indifferenza e dalla intollerabile attenzione verso interessi di parte puntati in ben altre direzioni”.

Lo dichiara in una nota il sen. Luigi d’Ambrosio Lettieri,coordinatore cittadino PdL Grande Città di Bari, che a Roma è stato al Ministero dello Sviluppo Economico accanto ai lavoratori durante l'incontro con i vertici dell'azienda.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bridgestoned'ambrosio lettierilavoratorivittoria
i blog di affari
Covid: gettata la maschera, Mario Monti: "Trovare modalità meno democratiche"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, Lancet smonta le tesi che stigmatizzano i non vaccinati
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Draghi-Schwab, vis a vis due protagonisti dell'ordine neoliberale filobancario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.