A- A+
PugliaItalia
vendola assennato 470x305

Il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola ha incontrato  il direttore generale di Arpa Puglia Giorgio Assennato. Insieme, e dopo un importante lavoro realizzato al tavolo tecnico congiunto svoltosi nei giorni scorsi, hanno deciso di impugnare, davanti al Tribunale Amministrativo del Lazio, il decreto Balduzzi/Clini, relativamente alla parte riguardante la valutazione del Danno sanitario.

“Alla Regione Puglia non piace quello che sta avvenendo – ha detto il Presidente Vendola - abbiamo dunque deciso di impugnare le linee guida interministeriali perché l’applicazione delle stesse ritarderebbe di anni l’intervento a tutela della salute e soprattutto neutralizzerebbe quella importante prescrizione che la Puglia è riuscita ad inserire nell’Aia2 (rilasciata a fine 2012), e che impone ad ILVA, ma non solo, di adeguarsi alle norme pugliesi in materia di Valutazione del danno sanitario (legge regionale 21 del 2012 ndr)”.

ilva notte2

Per Vendola “si è reso assolutamente necessario impugnare il decreto perché le linee guida statali prevedono metodologie, che pur se compatibili con quelle regionali (e ciò è dovuto al confronto svoltosi tra Ministeri e Istituzioni regionali in sede preparatoria), spostano di fatto molto in avanti nel tempo la soglia di intervento”.

“Per esempio – ha spiegato Vendola - volendo considerare la vicenda ILVA, mentre è già pronto lo studio regionale, e quindi è già possibile prevedere diminuzioni delle emissioni nocive per la salute, non si potrà effettuare quello statale prima di 3-4 anni, con considerevole ritardo nell’intervento a tutela della salute”.

“La Regione ritiene imprescindibile tale iniziativa  - ha aggiunto Vendola - anche perché l’intera normativa regionale in materia di VDS è sotto attacco da parte delle grandi industrie energetiche, ed in particolare di ENI ed Enel, che hanno presentato ricorsi tuttora pendenti e che vorrebbero evitare di sottoporsi all’immediato controllo degli impatti sanitari prescritto dalla Regione Puglia”. 

Vendola ha infine ricordato come “la legge regionale pugliese che ha introdotto la Valutazione del Danno sanitario sia stata poi recepita anche dal legislatore statale, a riprova della sua validità, con un decreto legge che fissava le condizioni per la riapertura dell’ILVA e degli altri stabilimenti strategici nazionali in caso di emersione di criticità ambientali”.

Tags:
ilvadanno sanitariotarantobalduzziclinivendolaassennatoarpapuglia
i blog di affari
Reddito di cittadinanza, chi lo percepisce non ottiene l'assegno divorzile
di Francesca Albi*
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.