A- A+
PugliaItalia
De Carlo: 'Puglia, un lavoro corale' Gli alberghi chiedono meno tasse

"La Puglia che va. E' sicuramente quella del turismo", segnala in un suo post facebook l'Assessore Guglielmo Minervini. "I dati, ufficiali e certi, dicono che crescono gli arrivi (+3%) ma soprattutto i turisti stranieri: russi e spagnoli, ma anche francesi, americani, belgi. Complessivamente +10%!!!"

E poi sottolinea: "Presenze brevi e pacchetti low cost più città d'arte, beni culturali, buona gastronomia. Questa la formula che funziona tutto l'anno. Ma anche la Puglia del mare si sta rivelando un meta del desiderio: siamo già a +20% (rispetto all'anno scorso) delle prenotazioni per la stagione estiva. Insomma, la bellezza si sta rivelando la nostra principale risorsa. E noi stiamo imparando a valorizzarla con intelligenza".

I dati diffusi dall'Osservatorio Regionale sul Turismo animano i commenti del settore e accendono nuove speranze sul futuro prossimo della stagione turistica. L'analisi positiva diventa croce e delizia, se invece si punta la lente sulle diverse istanze delle varie Associazioni di categoria.

"Ho letto i dati diffusi dall’assessorato al Turismo della Regione Puglia sull’incremento del 3% relativo alle presenze turistiche nei primi quattro mesi dell’anno, e come operatore del settore non posso che essere contento e sperare che l’onda positiva a cui fa riferimento l’assessore Godelli e il direttore Piccirillo persista",  commenta così Francesco De Carlo, presidente di Asshotel/Confesercenti Bari e dell’Associazione albergatori e ristoratori di Alberobello.

Puglia Roadshow
 

Ed aggiunge che "I dati degli arrivi stranieri registrati durante i mesi di marzo e di aprile sono stati indubbiamente incoraggianti anche perchè le più importanti festività di primavera sono ricadute nel periodo cosiddetto ‘alto’ e dunque più favorevole rispetto all’anno scorso. È altrettanto innegabile che turisticamente stiamo vivendo una fase interessante: sono aumentate le presenze straniere provenienti da Nordeuropea, Francia, Olanda, Stati Uniti, che ci permettono di destagionalizzare perché il viaggiatore che sceglie la nostra regione fuori dai mesi estivi, è certo di trovare tutto ciò che può rendere piacevole un soggiorno che non sia esclusivamente balneare. Vale a dire: l’arte, il paesaggio, l’enogastronomia, il misticismo. In una sola parola, la ‘Puglia dei turismi’."

"I risultati che stiamo ottenendo - prosegue De Carlo - sono sì frutto di politiche regionali di più ampio respiro e vivacità rispetto al passato, ma scaturiscono dalla qualità dell’accoglienza e dei servizi altamente professionali che noi albergatori offriamo ai turisti. La dinamicità del turismo pugliese – precisa – viene dalla provincia (Valle d’Itria, Salento, Gargano, Alta Murgia) che pur non potendosi paragonare a Bari e Lecce è riuscita ad affermarsi grazie alla caparbietà e tenacia dei suoi operatori. Il sito Unesco di Alberobello registra circa 1milione e 500mila turisti l’anno (valore sottostimato); il polo del lusso del fasanese è il buen retiro  di personaggi di spicco dello spettacolo, della finanza, della politica. Questo target lo osserviamo tornare tutti gli anni quando passeggia tra i nostri vicoli e mangia nei nostri ristoranti, perché? Ve lo siete chiesto? La risposta è una sola: ospitalità di qualità".

E qui arriva l'allarme: "La situazione non è però così rosea dovunque. Ci sono territori e imprese che - pur facendo grandi sforzi - non riescono a salvaguardare l’occupazione, ad adempiere agli oneri fiscali, a rispettare le scadenze. L’inverno è trascorso – per tutti – con tante difficoltà. La crisi si è sentita ancora più forte dell’anno scorso e i guadagni si sono ulteriormente assottigliati a causa dell’eccessiva tassazione".

L'appello: "Stimo l’assessore Silvia Godelli e apprezzo Giancarlo Piccirillo, e a loro mi rivolgo con una esortazione: Pugliapromozione ha il dovere di slegarsi dalle logiche legate quasi esclusivamente alle sorti delle città capoluogo. Mi permetto di sollecitare il direttore Piccirillo ad una maggiore concertazione con noi artigiani del turismo che con impegno, sacrificio, rinunce, spirito di abnegazione, portiamo alto il nome della Puglia nel mondo affinchè possa dare maggiore forza ai territori della provincia che dimostrano capacità imprenditoriali effervescenti. Ma che – a questo punto del percorso – chiedono sostegno e considerazione".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
de carloasshotelalberghipugliapromozionepiccirillogodelli
i blog di affari
Quirinale, il dopo Mattarella: a Palazzo Chigi serve Draghi o un suo affine
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Il 25° brano dei Jalisse presentato al Festival di Sanremo 2022
CasaebottegaJalisse
Relazione extraconiugale, la mia amante sa che sono single. Rischio un reato?
di Avv. Francesca Albi*
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.