A- A+
PugliaItalia
Decaro/Di Paola, il botta e risposta sulla querela

Il botta e risposta tra Antonio Decaro e Mimmo Di Paola, attraverso comunicati, dopo l'annuncio da parte dell'ex manager di Aeroporti di Puglia di una querela, a seguito dello scambio di attacchi durante la trasmissione televisa elettorale di Telebari.

Antonio Decaro - "Per l'ennesima volta Mimmo Di Paola parla senza conoscere i fatti. Ma se nelle precedenti occasioni i suoi grossolani errori riguardavano le tasse comunali, il bilancio o lo stadio, questa volta rischia di diffondere una notizia falsa che potrebbe inquinare il voto: il che, se è possibile, è ancora più grave. Dire infatti che la legge Severino comporterebbe la mia sospensione nel caso di condanna in appello e addirittura la decadenza, in caso di decisione definitiva, è totalmente errato. A Di Paola e ai suoi consulenti sarebbe bastato leggere il testo di quella legge (art. 10, lett. c) per accorgersi che non prevede affatto il reato di tentato abuso d’ufficio, ma solo i delitti contro la pubblica amministrazione consumati, cioè effettivamente commessi. 

Il fatto fondamentale, comunque, in questa bizzarra vicenda processuale, rimane che ad oggi c'è un solo provvedimento assunto nei miei confronti da un giudice, ed è quello che ha stabilito la mia innocenza. Al contrario l'ingegner Di Paola in un suo comunicato stampa del 30 aprile dichiara di attendere "di essere prosciolto da circa 7 anni”, perché effettivamente il processo nel quale era imputato per corruzione non si è concluso con una decisione nei suoi confronti. Dunque è lui ad essere in attesa di una sentenza, mentre io sono stato già assolto, almeno in primo grado.

Rilevo con una certa pena il disperato tentativo del mio competitor di agitare le acque di questa campagna elettorale, a tre giorni dal voto, ma non starò al suo gioco. Rimango tranquillo, consapevole di aver dimostrato in questi mesi ai baresi chi di noi due merita di governare questa città".
 
Mimmo Di Paola - "Antonio Decaro non sa quel che dice. La Severino non distingue tra reato consumato e reato tentato ma fa solo riferimento all'articolo del codice che rubrica l'abuso d'ufficio. Il resto sono solo arrampicate sugli specchi.  Non è comunque questo il tema ma la querela nei confronti di Decaro".
 
(gelormini@affaritaliani.it)
Iscriviti alla newsletter
Tags:
decarodi paolaquerelabotta e risposta
i blog di affari
Lo Sportivo Straniero in Italia: Importante Convegno
Mascherina all'aperto, simbolo dell'alienazione e uniforme dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green Pass più esteso per i guariti dal Covid: appello al Governo
L'opinione di Tiziana Rocca
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.