A- A+
PugliaItalia
Emiliano a Affari: ‘Premier diverso dal Segretario’, c’è l’intesa con Orlando

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, la spunta sullo spostamento della data delle Primarie al 30 aprile, pur ritenendo i tempi maledettamente stretti per un Congresso del Partito Democratico all’altezza delle aspettative e delle esigenze adeguate alla richiesta di cambiamento, emersa dal risultato referendario dello scorso dicembre.

EMILIANO ORLANDO RENZI
 

Intanto raccoglie la “corrispondenza d’intenti” con l’altro candidato, Andrea Orlando, sulla separazione dei ruoli tra Premier e Segretario del partito, che rilancia quanto affermato dallo stesso Governatore pugliese nell’intervista a Affaritaliani.it: "Non sarei segretario e premier allo stesso tempo”, ha dichiarato il Guardasigilli, "Nel momento in cui, dopo dicembre, il sistema maggioritario è venuto meno, è sempre più difficile che il Segretario del partito di maggioranza relativa sia anche il Premier”.

“Per i limiti che mi riconosco - ha poi spiegato Orlando - non sarei in grado di fare le due cose contemporaneamente e penso sia giusto pensare ad altre figure in grado di guidare il governo ma anche tenere insieme la coalizione". A testimonianza di un’intesa raggiunta tra il Governatore pugliese e il Ministro della Giustizia sia del governo Renzi che del Governo Gentiloni.

IMG 0980
 

Presidente Emiliano, saranno Primarie a tre, dopo la formalizzazione della candidatura Orlando e il passaggio selettivo che decimerà il numero dei candidati, che si iscriveranno entro il 6 marzo (oggi già quattro con l’inserimento di Carlotta Salerno). Intanto la lepre continua a correre e il tentativo di fissare la data della Primarie il 9 aprile - Domenica delle Palme - equivaleva a una dichiarazione di guerra nel giorno in cui si celebra la Pace. E’ contento di averla spuntata sul 30 aprile?

Insistere nel rendere più breve possibile il tempo per celebrare il congresso è un atto di scortesia personale verso gli altri candidati e - devo dire - anche un atto dannoso dal punto di vista dell’immagine, perché dà l’impressione di un candidato spaventato, che ha paura di perdere e che teme che dare troppo spazio ai propri concorrenti finisca per favorirli.

Quindi vuol dire che il candidato pensa di avere argomenti deboli, peggio: che il passare del tempo possa aiutare i cittadini a capire i suoi punti di debolezza, che egli in questo momento pensa invece di nascondere.

Siccome gli italiani non sono stupidi, io penso che sarebbe stato utile per tutti trovare una data più equilibrata. Il 30 aprile è decisamente meglio del 9 aprile, ma non l’ideale in assoluto. Perché se dovesse persistere il dubbio che la ragione della fretta sta nel fatto che Renzi pensa di sbrigare la formalità del Congresso e poi di far cadere il governo Gentiloni, sarebbe ancora peggio!

Perché vorrebbe dire che evidentemente egli alle sue esigenze di mantenimento del potere, sacrifica non solo i diritti dei suoi concorrenti e il suo partito, ma anche il Paese, che di conseguenza lo renderebbe inadatto allo svolgimento del ruolo di Segretario.

emiliano latouche il libro possibile 1
 

A un PD in perenne affanno, il cui ritmo imposto rischia di decimare la corsa dei sostenitori, lei sembra voler contrapporre il recupero virtuoso della lentezza, per consentire una partecipazione più larga e sostenibile. Cos'è la decrescita di Serge Latouche applicata alla politica?

Con tutto il rispetto per Latouche, non ho alcuna particolare aspirazione alla lentezza come criterio organizzativo del PD. Dico solo, però, che per tutte le cose ci vuole un tempo. Per fare un Congresso, che individui una piattaforma programmatica condivisa e che poi consenta ai cittadini di essere informati - almeno dai candidati - sulle varie distinzioni programmatiche e sulle varie possibilità, occorre un tempo ragionevole.

La ragionevolezza non è una filosofia: è buonsenso! E il buonsenso è la prima dote di una persona che aspira a una leadership.

Emiliano mezzora5
 

Emiliano punta alla Segreteria del PD per il balzo poi a Palazzo Chigi o vede con favore il ritorno all'ipotesi di un Premier diverso dal Segretario politico del partito più grande della coalizione di governo?

Vedo con favore l’ipotesi di un Premier diverso dal Segretario! Penso che con il nuovo sistema elettorale, individuato dalla Corte Costituzionale, il Segretario di un grande partito di maggioranza relativa - come aspira ad essere il PD - è una figura centrale della politica italiana, sullo tesso piano del Premier. Quindi, mi pare assolutamente da evitare la sovrapposizione dei due ruoli.

Chi o cosa ritiene il miglior alleato verso l'affermazione alle primarie e chi o cosa, invece, il peggior ostacolo?

Il miglior alleato per l’affermazione alle Primarie sono i cittadini. E soprattutto il fatto che i cittadini stanno comprendendo che andare a votare alle Primarie del Partito Democratico non è solo un atto - diciamo così - di adesione al progetto politico del Partito Democratico, ma un referendum sugli ultimi anni di governo.

Gli italiani andranno a votare ale Primarie del PD non necessariamente con la certezza poi di votare il Partito Democratico, ma per aiutare il Partito Democratico a chiudere la parentesi degli ultimi anni, e quindi consentirgli di avere una leadership nuova, differente, su una piattaforma programmatica diversa e più moderna: dalla parte di coloro che non contano niente, della classe media, di quelli che sono stati distrutti dal neo-liberismo di questi anni e in questo si renderà anche più competitivo il Partito Democratico, rispetto ai due ‘poli populisti’.

20170110   emiliano sopralluogo altamura00005
 

Perché è chiaro che con la leadership di Matteo Renzi la forza del PD è molto attenuata, se viceversa noi avessimo una nuova leadership competitiva rispetto a chi, ripeto, a destra e a sinistra critica pesantemente le politiche europee, la mancanza di un reddito minimo di cittadinanza, i cambiamenti drammatici delle regole sul lavoro che non garantiscono più le persone, la demolizione del welfare, la musica cambierebbe davvero.

Insomma, c’è bisogno di maggiore sinistra dentro il Partito Democratico, in modo tale che lo spazio per chi utilizza la sofferenza, la paura del diverso, la paura del migrante, per creare consenso, sia sempre meno. Noi dobbiamo spiegare le ragioni per le quali il centrosinistra è in grado di dare risposte di sicurezza della società, di stabilità e di benessere, che siano miglioridi quelle dei populisti che si limitano a utilizzare la paura senza costruire nulla. Come dimostra ciò che avviene, per esempio, nel governo della città di Roma.

Ostacoli non ce ne sono, non ne vedo di particolari. Se non ovviamente il tempo piuttosto breve (nonostante l’ultimo strappo), che concederanno per fare il Congresso. Perché se ci avessero dato più tempo, questo progetto si sarebbe certamente realizzato. Contiamo, comunque, di riuscirci lo stesso.

Emiliano direzione PD3
 

Quale piano ha Emiliano - baluardo del Sud - per acquisire più consenso al Nord, bacino indispensabile per qualsiasi tipo di vittoria elettorale?

Io sono un servitore dello Stato, ho sempre servito la Repubblica. L’ho servita al Nord, l’ho servita al Centro, l’ho servita al Sud. Certo, sono un uomo del Sud - su questo non c’è dubbio - quindi conosco il Mezzogiorno, conosco la Sicilia, conosco la criminalità organizzata, le inefficienze del Mezzogiorno, i limiti della Pubblica Amministrazione.

Ma ho avuto modo di confrontarmi, anche per il mio lavoro sia di magistrato che di sindaco, con tutte le realtà italiane, e quindi mi sento perfettamente in grado d rappresentarle. Non ho mai pensato che la mia leadership fosse una leadership esclusivamente del Mezzogiorno, anche se è evidente che tutti i meridionali sarebbero, credo, orgogliosi e rassicurati dal fatto che uno di loro, finalmente, venga considerato come un cittadino italiano uguale a tutti gli altri.

D’altra parte, ogni qualvolta hanno dato degli incarichi di responsabilità a noi del Sud, abbiamo sempre fatto ‘buone figure’: Aldo Moro, Peppino Di Vittorio e tanti altri ne sono testimonianza più che tangibile.

Emiliano App.pg
 

Un’ultima battuta: l’ingresso nella corsa alla Segreteria del PD di Andrea Orlando facilità questo percorso?

Assolutamente sì, io ho incoraggiato Andrea a candidarsi proprio perché il senso del limite di ciascuno di noi deve far comprendere che per raggiungere questo obiettivo, di togliere il Partito Democratico dalle mani di Renzi, da una guida secondo me sbagliata, e per restituirlo al “noi”, alla pluralità della comunità del PD, un’altra candidatura autorevole, come quella di Orlando, potesse essere utile.

Certo, ricordo agli elettori - però - che è stato un ministro del governo Renzi. Quindi, dovendo scegliere: consiglio loro di votare per me!

(gelormini@affaritaliani.it)

---------------------------

Pubblicato in precedenza: PD, Emiliano resta: ‘Destinati a soffrire’

                                      Emiliano, il PD e l’approccio meridiano

Tags:
michele emilianoandrea orlandomatteo renzipd premier intesa intervista segretarioantonio gelormini
i blog di affari
Reddito di cittadinanza, chi lo percepisce non ottiene l'assegno divorzile
di Francesca Albi*
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.