A- A+
PugliaItalia
Fdl. Benvenuto, Presidente! La Puglia la stava aspettando

di Antonio V. Gelormini

Grande attesa per la riconferma di una tradizione quasi istituzionale: la presenza del Presidente del Consiglio alla cerimonia d'apertura della Campionaria - Fiera del Levante, col ritorno a Bari - dopo Enrico Letta lo scorso anno - di Matteo Renzi, che rinsalda la consetudine messa, invece, in discussione dalle assenze ripetute - negli ultimi anni del suo mandato - dal presidente Silvio Berlusconi.
 
Un'attesa carica di aspettative per il rituale di un'occasione usuale, per la presentazione delle linee programmatiche di governo, ma ancor più per una serie di tensioni in atto - relative a problemitache diverse - che cercano una risposta concreta nelle decisioni e nella responsabilità che il Governo vorrà prendere. TAP, trivelle nell'Adriatico, Patto di stabilità, Marò, questione Teatro Petruzzelli, Ilva di Taranto, danni da alluvioni nel Gargano sono solo alcune delle boe a cui è atteso il passaggio di Matteo Renzi in Puglia.
 
In particolare TAP e trivelle in Adriatico hanno mobilitato una schiera di Sindaci, che in sintonia con la presidenza del Consiglio regionale farà sentire e avvertire la tensione che anima le rispettive comunità cittadine sui due temi. L'atmosfera che si preannuncia non è delle migliori, anche perchè il Ministero dell'Ambiente ha deciso di imprimere un'accelerata "sorda" agli eventi proprio alla vigilia dell'arrivo a Bari di Renzi: quasi a voler mettere tutti di fronte a una fase irreversibile del progetto.
 
Di seguito la "Lettera aperta" che il presidente Onofrio Introna consegnerà al presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi, in occasione della cerimonia inaugurale della 78a Fiera del Levante. 
introna calre
 
Bari, 13 settembre 2014

 
Benvenuto in Puglia, Signor Presidente, terra di accoglienza e di dialogo, di paesaggi straordinari e di mari puliti, di gente aperta e comunicativa, che crede in una crescita fondata sulla sostenibilità, capace di valorizzare un equilibrio ambientale unico, in uno sviluppo organico e integrato delle molteplici attività produttive nel territorio. La nostra è una Comunità regionale che ha scelto di fare della partecipazione e della trasparenza il proprio metodo di governo.

Parliamo di futuro, Presidente Renzi, di rilancio del Paese, anche di autonomia energetica, ma cerchiamo di trovare un accordo per scelte condivise dai territori. Oggi la Puglia, come Lei sa, contribuisce già in misura considerevole a soddisfare il fabbisogno energetico nazionale.

Chi Le chiede di aprire un confronto è un Consiglio regionale unito nella difesa dei mari, sono i Comuni, le forze sociali e produttive, le associazioni, i comitati, gli studenti, i cittadini di questa regione, che si sono già pronunciati in grandi e pacifiche manifestazioni, a Termoli, a Monopoli, a Manfredonia, a Policoro. In Basilicata, Calabria e Sicilia, anche lì Istituzioni e cittadini sono scesi in piazza. L’Emilia Romagna sta verificando gli eventuali rapporti causa-effetti tra le estrazioni al largo della marina di Ravenna e il terremoto del 2012.

300x250 fdl
 

 

La Puglia Le chiede di riflettere sul rapporto costi-benefici dell’estrazione di idrocarburi dai fondali marini. E non è sola. La Conferenza nazionale dei Presidenti delle Regioni e delle Province autonome ha approvato nel 2011 all’Aquila - e ribadito nel 2012, a Roma - un Ordine del Giorno unitario di invito al Governo nazionale di sospendere ogni procedimento autorizzativo per indagini petrolifere in mare e adottare la moratoria di ogni altra iniziativa di ricerca e coltivazione di idrocarburi liquidi nell’Adriatico e in tutti i mari europei.

Il Consiglio regionale pugliese nel 2011, il Veneto, l’Abruzzo e il Molise nel 2012, le Marche nel 2013, hanno approvato proposte di legge di iniziativa regionale alle Camere, per il divieto della prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi liquidi in mare.

A Venezia, il 9 novembre 2012, il documento finale della Conferenza internazionale delle Regioni europee adriatiche e ioniche ha condiviso una serie di misure e programmi tesi alla “salvaguardia delle coste delle regioni del Mediterraneo dall’estrazione di idrocarburi in mare”.

L’Unione Europea ha tra i propri argomenti una “Moratoria dello sfruttamento di giacimenti sottomarini nel Mediterraneo Europeo”. La recente decisione (23/07/2014) del Consiglio Affari generali dell'Unione europea e la direttiva Spatial Planning Maritime (MPS) vogliono aiutare proprio gli Stati membri a sviluppare e coordinare le varie attività che si svolgono in mare, in modo che siano più efficienti e sostenibili. In questo senso, per pianificare gli usi non conflittuali del nostro mare Adriatico e Ionio, la Regione Puglia ha inteso aderire al Progetto Europeo Adriplan (Capofila l’Istituto di Scienze Marine del CNR), ritenendo le altre voci della “blu economy” (pesca, turismo costiero e diportista, trasporti etc.) e la ricchezza del patrimonio ambientale, gravemente minacciate dalle estrazioni petrolifere; rischi aggravati dalle particolari condizioni ecologiche e geomorfologiche dei nostri mari.

Sollecitiamo una strategia energetica sostenibile e condivisa coi territori. Una chiara visione programmatica, contenuta in un Piano Energetico Nazionale, tutt’oggi non ancora definito, deve  precedere qualsiasi revisione dei procedimenti autorizzativi, attraverso la modifica del Titolo V della Costituzione, dal momento che lo Stato già assume in autonomia le decisioni energetiche ed ai territori è riconosciuto un mero ruolo consultivo.

Trivelle Pelagosa
 

Siamo preoccupati dall’accelerazione delle procedure per permessi di trivellazioni off-shore. Le migliaia di posti di lavoro stimati finirebbero per generare un saldo negativo rispetto ai livelli occupazionali perduti in altri settori (pesca, marineria e soprattutto turismo), per i danni alla qualità delle acque e dei litorali rivenienti dalle attività di prospezione e di coltivazione. In totale oggi in Italia le aree richieste o già interessate dalle attività di ricerca di petrolio si estendono per 29mila kmq di aree marine, 5000 kmq in più rispetto allo scorso anno, come risulta da un recente dossier di Legambiente. Oggi le risorse che le compagnie petrolifere continuano a cercare senza sosta, quell’oro nero tanto agognato e nascosto sotto il mare italiano, ammonta a 9,8 milioni di tonnellate. Una quantità di petrolio che, stando ai dati sui consumi nazionali (59 milioni di tonnellate consumate in Italia nel 2013), sarebbe sufficiente a risolvere il nostro fabbisogno petrolifero per sole 8 settimane).

renzi2
 

In assenza di una visione globale di politica energetica, Le rinnoviamo la richiesta, più volte ribadita dal Consiglio Regionale della Puglia in ripetuti Ordini del Giorno, a voler sospendere qualsiasi decisione sulle ricerche petrolifere nei mari italiani. Adottando la via del dialogo con le comunità istituzionali e civili, per scelte condivise, abbiamo rinnovato e “pulito” il sistema energetico regionale. La invitiamo a rivedere le norme contenute nell’art. 39 del Decreto Sblocca Italia e Le chiediamo - come per le trivelle - in tema di definizione dell’approdo TAP sulla costa salentina, sull’ampliamento di Tempa Rossa a Taranto che il Governo nazionale non decida sulla testa dei pugliesi, ma adotti scelte concertate coi territori per risolvere i problemi.

La Puglia Le chiede di non compromettere la linea di sviluppo ecosostenibile che ha ispirato tutte le sue politiche ambientali negli ultimi dieci anni.

Questo documento scaturisce da un incontro al quale sono intervenuti Presidenti dei Gruppi consiliari e Consiglieri regionali, il sindaco di Monopoli, in rappresentanza dell’ANCI Puglia e di tutti i Comuni costieri, e i rappresentanti delle Amministrazioni comunali di Taranto, Ostuni, Fasano e Polignano a Mare, di Legambiente Puglia, Greenpeace, WWF, tecnici dell’Ismar CNR, esponenti dei Comitati: Bonifica Molfetta, Garganistan, No petrolio Sì energie rinnovabili di Monopoli, No Triv Terra di Bari, Rete No Triv Gargano, Stop Tempa Rossa Taranto, Tutela del mare del Gargano.
                    

                             Onofrio Introna
Tags:
renzipugliaintronasindacitrivellefiera del levante
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.