A- A+
PugliaItalia
MauraSerena

Mercoledì 2 ottobre ore 18 a Bari, Palazzo ex Poste – Università degli Studi di Bari (Piazza Cesare Battisti),  incontro di informazione e sensibilizzazione contro il femminicidio, con Serena Dandini e Maura Misiti. Ingresso libero.

L’iniziativa precede di un giorno lo spettacolo ‘Ferite a Morte’ in scena il 3 ottobre al Teatro Petruzzelli (ore 21.00). Il recital andrà in scena con uno straordinario cast al femminile di ritorno da Bruxelles, dove è stato rappresentato (a giugno) nella sede del Parlamento europeo, e prossimo a partire per un tour internazionale. In dicembre la replica nelle altre città capoluogo pugliesi.

Il progetto è realizzato con il contributo della Regione Puglia, nell’ambito del programma “Troppo amore: sbagliato”, campagna di comunicazione e sensibilizzazione che accompagna il percorso di elaborazione della legge regionale contro la violenza di genere e il femminicidio.

Promosso dalla Presidenza della Giunta Regionale in collaborazione con Assessorato al Mediterraneo, Cultura e Turismo, Assessorato al Welfare, Consigliera Regionale di Parità e Teatro Pubblico Pugliese.

Sul palco del Petruzzelli, assieme a Serena Dandini e Maura Misiti, sono già confermate le presenze di Lella Costa, Orsetta de’ Rossi, Giorgia Cardaci, Rita Pelusio, Malika Ayane, Evy Arnesano, Rosaria Renna e Carmela Vincenti.

manif

Gli incontri saranno preceduti da una presentazione alla stampa presso la Sala Giunta della Regione Puglia con Nichi Vendola e  le assessore regionali al Welfare e Salute Elena Gentile e al Mediterraneo Silvia Godelli. L’occasione per ribadire l’impegno formale nel proseguire il cammino intrapreso per la definizione della legge regionale, aggiornandone l’iter, e per illustrare le iniziative di sensibilizzazione in calendario su tutto il territorio regionale.

Durante la conferenza, infatti, oltre a fornire i primi dati del monitoraggio effettuato con la collaborazione dei Centri antiviolenza, si darà conto dello stato dell’arte delle azioni sul contrasto alla violenza di genere in Puglia.

Infine, il prossimo 4 ottobre, ad un mese dall’atroce assassinio di Paola Labriola, la società civile a Bari esprimerà e condividerà sdegno e dolore. Per dire NO ALLA VIOLENZA di una società sempre più in crisi, non solo economica ma anche di valori.

labriola

Si marcerà silenziosamente contro la sordità che le istituzioni preposte hanno riservato alle denunce della dottoressa Labriola e del suo intero Servizio. Facciamo luce con le fiaccole sulle buie condizioni in cui lavorano tanti operatori del sociale e della sanità, lasciati allo sbando dai famigerati “tagli di bilancio”.
"LA CITTA’ TI PIANGE, PAOLA! " - recita un il messaggio preparato per l'evento - ."Ci hanno strappato le parole, ma il nostro silenzio grida GIUSTIZIA, LEGALITA’ e SICUREZZA

Appuntamento in Piazza Redentore venerdì 4 ottobre alle ore 18,30, la fiaccolata partirà alle ore 19, effettuando alcune fermate in luoghi significativi per poi concludersi in Piazza prefettura.

Maura Serena

“Ogni riferimento a fatti e persone realmente esistenti non è affatto casuale”. Così Serena Dandini introduce il suo lavoro teatrale “Ferite a morte”, una ‘spoon river’ delle donne morte per femminicidio. In Italia una donna ogni due/tre giorni muore per mano di un marito, un amante, un fidanzato, un ex compagno. E questo è solo l’aspetto più tragico di un fenomeno pervasivo come quello della violenza sulle donne dentro e fuori la famiglia. Attingendo a fatti di cronaca realmente accaduti, Serena Dandini, in collaborazione con Maura Misiti, demografa e ricercatrice del CNR, ha scritto un’antologia di racconti per dare voce alle vittime.

Da novembre scorso a oggi, “Ferite a morte” è andato in scena in una quindicina di grandi teatri di altrettante città italiane, registrando ogni volta il sold out e una risposta entusiasta da parte del pubblico. Con questa tappa a Bari il progetto si avvia ad entrare in una nuova fase, in chiave internazionale: il 25 novembre prossimo infatti, giornata dedicata in tutto il mondo al contrasto della violenza sulle donne, lo spettacolo verrà rappresentato a New York nel quartier generale dell’Onu, in inglese e con un cast internazionale. Pochi giorni prima della Grande Mela, “Ferite a morte “ sarà anche a Washington e subito dopo a Bruxelles e a Londra. Nel frattempo in Italia, dal 25 ottobre, partirà un nuovo tour  nazionale che porterà lo spettacolo, con un cast fisso, nei maggiori teatri italiani: in tutto, “Ferite a morte” visiterà quasi quaranta  città in meno di sessanta giorni.

Prevendita: bookingshow (www.bookingshow.it)

Bari al Teatro Piccinni e  al Teatro Petruzzelli.

Botteghino Teatro Petruzzelli è aperto dal lunedì al sabato dalle 11 alle 19

Teatro Piccinni dal lunedì al venerdì,  dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 17 alle 20.

Biglietti da 5 a 15 euro.

Il ricavato dello spettacolo sarà devoluto al Fondo Regionale per il sostegno ai Centri Antiviolenza della Puglia in via di istituzione.

INFO:

www.feriteamorte.it; www.teatropubblicopugliese.it; www.pariopportunita.regione.puglia.it

0805212484. 080.9752800

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
dandinimisitipugliagodellivendolalauriolafemminicidioferite a morte
Loading...
i blog di affari
Casaleggio e i 5Stelle: quel sospetto sulle ricandidature
Premio Golia 2021: straordinaria partecipazione
Laurea bruciando i tempi? Prima bisogna risvegliare la passione per la cultura
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.