A- A+
PugliaItalia
Ferrovia Adriatica Introna in Molise Per il raddoppio Termoli-Lesina

“Il futuro della Puglia deve correre su binari più veloci”: continua l’azione diplomatica del presidente del Consiglio regionale pugliese, Onofrio Introna, per accelerare i progetti di modernizzazione di impianti, materiali e collegamenti nell’intera rete ferroviaria al servizio del territorio regionale.

Dopo l’incontro del 10 ottobre, a Roma, con l’amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato Italiane Michele Elia, il presidente dell’Assemblea pugliese sarà venerdì 24 ottobre in Molise per un appuntamento a Campobasso, nella sede del Consiglio regionale.

Introna O
 

“Il collega presidente Vincenzo Niro ha accolto la mia proposta di un confronto urgente sui nodi della direttrice adriatica, in particolare il raddoppio della tratta Termoli-Lesina, di comune interesse tra le nostre Regioni”. Al vertice nella sede del Parlamento molisano, interverranno i due assessori regionali ai trasporti, Pierpaolo Nagni per il Molise, Giovanni Giannini per la Puglia.

Sul tavolo, il programma di potenziamento della dorsale ferroviaria orientale, tra i programmi del Gruppo Ferrovie Italiane per l’immediato futuro. Tra questi, il raddoppio del binario unico al confine tra Puglia e Molise (549 milioni di euro complessivi), che interessa una tratta di 31 chilometri, suddivisa in lotti funzionali.

Termoli Lesina
abruzzo spiaggia
 
Il primo, Ripalta-Lesina, tutto in territorio pugliese, per uno sviluppo di 6.845 metri (finanziato con 106 mln €), vanta già il parere positivo di Ministero e Commissione VIA. La tratta molisana è a sua volta divisa in due lotti realizzativi (da Termoli a Campomarino, 18,26 km e da Campomarino a Ripalta, 5.940 metri). Il raddoppio della Ripalta-Lesina ricade nel territorio molisano. La Regione Puglia ha detto sì. Il Molise oppone perplessità sull’impatto ambientale di opere che interessano un lungo tratto di dune costiere. Senza l’OK di Campobasso il progetto non potrebbe passare al Cipe per il finanziamento.

“Vogliamo affrontare insieme ai colleghi molisani le difficoltà che ostacolano un’infrastruttura essenziale per eliminare la strozzatura di Termoli – dichiara il presidente Introna – infrastrutture  ferroviarie più moderne e veloci lungo l’Adriatico sono indispensabili per lo sviluppo delle nostre Regioni e per avvicinare la Puglia, il Molise e l’intero Mezzogiorno al Nord Italia e all’Europa”.

Insieme ad altri lavori, canterizzabili tra il 2015 e il 2018 (le gallerie in costruzione a nord di Ortona e a Cattolica, la chiusura di passaggi a livello e l’adeguamento tecnologico degli apparati), il doppio binario sulla Termoli Lesina consentirà di risparmiare 40 minuti dal Nord a Bari e a Taranto. Saliranno a 50 per i trasferimenti da e per Lecce, con gli interventi previsti sulla tratta da Bari al  Salento.

(gelormini@affaritaliani.it)

 

Tags:
intronamoliseferroviaadriaticatermoli-lesina
i blog di affari
Reddito di cittadinanza, chi lo percepisce non ottiene l'assegno divorzile
di Francesca Albi*
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.