A- A+
PugliaItalia
Festival Troia Teatro IX edizione Il Movimento, continuità del mutamento

di Antonio V. Gelormini

 

TROIA – Il pezzo forte di un'Estate Troiana ricca di appuntamenti, incontri, concerti e "assaggi", il Festival Troia Teatro si appresta ad andare in scena "in piazza" per la sua IX edizione. Il teatro in piazza che, nell'entusiasmante partecipazione diffusa e acquisita, replica l'emozione del palcoscenico nei suoi laboratori a cielo aperto.

 

I numeri, come sempre, sono impressionanti: circa 50 spettacoli teatrali, performance e concerti, 15 compagnie teatrali e più di 60 artisti presenti, 12 location diverse, 4 serate di dopofestival, un laboratorio teatrale, una mostra d’arte “Vetrina d’artista”.

FTT14
 

 

Cifre di un Festival che ambisce ad essere, ormai, una delle kermesse teatrali più importanti del Mezzogiorno e che anche quest’anno, per la seconda volta, è riconosciuto dalla Regione Puglia nella rete dei “Festival d’Eccellenza”. Ancora una volta l’Unione Giovanile Troia e le associazioni Teatri 35 e A.c.t! Monti Dauni, con numerosi partner pubblici e privati (Regione Puglia, Comune di Troia, Eceplast, Sica dal 1929, Agriturismo Pirro, Mottola Solutions), si apprestano a dare il via a un Festival di grande qualità.

 

Obiettivo principale del Festival Troia Teatro resta quello di sempre: creare uno spazio ideale dove gli artisti possano esprimersi al meglio, in armonia con la popolazione di Troia, trasformando il borgo dei Monti Dauni in autentico teatro a cielo aperto. Un unico grande spettacolo, un’unica grande festa in cui il borgo e gli spettatori, i cittadini di Troia e gli artisti sono un tutt’uno. La scelta artistica alla base del Festival è precisa: il desiderio è quello di promuovere un Teatro che sa sperimentare e che si fa contenitore di varie forme d’arte: dalla danza alla musica, dalla poesia al cinema. La ricetta da quasi dieci anni funziona ed è sempre più apprezzata da artisti e visitatori.

 

 

All’interno del programma del Festival, l’organizzazione promuove per il quarto anno il Concorso *Festival *Troia *Teatro – Premio ECEplast realizzato con il contributo dell’azienda ECEplast con la finalità di valorizzare il lavoro di artisti e compagnie emergenti e indipendenti, che operano nel teatro d’innovazione, nella danza contemporanea e nella performing art. Questa edizione del concorso vede la collaborazione attiva di altre tre realtà attive nell’ambito teatrale nazionale che da anni sono vicine al Festival Troia Teatro: La Bottega degli Apocrifi (Teatro Lucio Dalla di Manfredonia - FG), Mutamenti Teatro (Teatro Civico 14 di Caserta) ed il C.R.E.S.T. di Taranto.

 

FTT 2
 

Il Concorso per l’edizione 2014 riflette sul tema del Movimento inteso come alterazione, come relazione di continuità, come causa del mutamento, come crescita incessante o come semplice moto. Il movimento è l’incedere continuo di chi ricerca, di chi attinge al passato e reinventa il presente. Il movimento è condizione necessaria all’ esperienza e all’arte: è la condizione della vita, continuo fluire, storia in divenire. E’ parola scritta e intonata, è la danza, è l’azione. Il movimento diviene pertanto motore necessario alla ricerca artistica.

 

Oltre 70 le compagnie candidate a concorso.  Settanta opere che la commissione del Festival Troia Teatro ha dovuto vagliare per settimane con l’obiettivo di selezionare i finalisti che si esibiranno durante il Festival nella sezione Concorso Festival Troia Teatro – Premio ECEPlast. Queste le compagnie selezionate: Crasc Teatro di Ricerca/Borrino, Cooperativa Thalassia/Pugliese, Collettivo LunAzione, Millimateatro, Angeloni/Ripa, e TNT/Turci. Queste sei compagnie si esibiranno nella sezione Concorso all’interno del Chiostro di San Benedetto. Ma il programma non finisce qui: arte di strada, musica, laboratori e performance la faranno da padrone per tutta la settimana. Non lasciateveli raccontare. Viveteli!

 

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
festivaltroiateatromovimentomutamentopiazzapuglia
i blog di affari
Super Green Pass al via: un ricatto, una forma di apartheid
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, l'Italia? Laboratorio del capitalismo terapeutico su scala planetaria
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Lo Sportivo Straniero in Italia: Importante Convegno
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.