A- A+
PugliaItalia
FI, Distaso e Marti a Vitali 'Da politica a commedia'

Ormai è davvero guerra aperta tra i dirigenti pugliesi di Forza Italia e il Commissario, Luigi Vitali, a cui Silvio Berlusconi ha affidato la missione - dai più contestata - di "normalizzare" gli spiriti "Ricostruttori" di Raffaele Fitto e dei suoi fedeli.

Dopo l'inciampo sul video Sarkozy-Merkel alla convention romana dei fittiani, il Commissario è toranto alla carica: "Apprendo da Roma che il partito nazionale non è più in grado di garantire gli stipendi ai suoi dipendenti. All'eliminazione del finanziamento pubblico si aggiunge il mancato versamento del contributo mensile in capo ai parlamentari".

"In Puglia la situazione è ancora più perniciosa - ha rincarato - perché questo inadempimento riguarda il 90% dei parlamentari e dura da due anni. Dopo aver chiuso la sede regionale del partito e quella di Foggia (e il mio giro non è ancora concluso) si aggiunge questa grande responsabilità morale nei confronti di chi, i nostri dipendenti, per anni lavorando in silenzio hanno contribuito a sostenere il partito".

vitali luigi
 

Concludendo: "Però si va in giro per l'Italia, con pullman messi a disposizione non si sa da chi e da chi pagati, portando in giro un'immagine dell'organizzazione territoriale e democratica del partito in Puglia che io, francamente, non ho riscontrato. Anzi".

La reazione è stata immediata e a gridarla sono stati i deputati di Forza Italia Antonio Distaso e Roberto Marti: "I primi giorni del neo Commissario di Forza Italia in Puglia Luigi Vitali, segnano un' incredibile rassegna di gaffes maggiormente degne dell'indimenticato Peter Sellers nel ruolo di Ispettore Clouseau. Più un Ispettore, quindi, che un Commissario Politico".

"Ora, francamente, si comincia a esagerare. Ci rendiamo conto che laddove manca la Politica, spesso ci si aiuta come si può. Ma i fatti non possono essere oggetto di valutazioni".

"I Parlamentari pugliesi hanno adempiuto puntualmente al versamento della quota richiesta dal Partito, a partire dal 2008, per chi è stato eletto con il PdL  - precisano i due onorevoli forzisti -. Nel 2013, anno di nuove elezioni politiche, è stato chiesto e corrisposto un sostanzioso versamento, una tantum, prima della ricandidatura".

"In quello stesso periodo, per lunghi anni, il PdL prima, Forza Italia poi, ha ricevuto una cospicua dote di rimborsi elettorali, in virtù della legge vigente. Nessuno di noi conosce esattamente circostanze e modi di utilizzo di tali somme".

E poi aggiungono: "In quegli stessi anni, e ancora per tutto il 2014, i Parlamentari e i Consiglieri regionali hanno autonomamente provveduto al mantenimento dei costi degli immobili e del personale delle sedi provinciali.
Il contratto concernente la sede regionale, da sempre, almeno questo, a carico del Coordinamento nazionale, è stato unilateralmente rescisso, da parte dello stesso Coordinamento, a fine del 2013".

"Nel contempo, il Coordinamento nazionale ha licenziato la nostra dipendente storica della sede regionale in Puglia".

I Parlamentari e i Consiglieri regionali, insieme a tanti altri, sono quelli che, per esempio, nell'agosto 2013 e nel novembre dello stesso anno, hanno organizzato pullman per Roma per manifestazioni di solidarietà al Presidente Berlusconi", proseguono, "Pochissimi, in Italia, hanno fatto altrettanto. Crediamo che per il Commissario / Ispettore Vitali sia sufficiente".

"Dal comico si è già passati al grottesco. Evitiamo almeno il tragico".

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
distasomartifivitalipoliticacommedia
i blog di affari
Perugia, un “Green Table” per la cultura ambientale del mondo
di Maurizio De Caro
Quando artisti e comunicatori uniti diventano Ambasciatori di Pace
CasaebottegaJalisse
Covid, nuovi varianti in vista: l'emergenza virale è normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.