A- A+
PugliaItalia
Foggia, arresti eccellenti Non è finita!

di Ines Macchiarola

Nuovi avvisi di garanzia sarebbero in arrivo nei confronti di altri soggetti coinvolti nel recente scandalo tangenti per l'occupazione del suolo pubblico a Foggia. Gli avvisi riguarderebbero personaggi comunque vicini alle stanze di Palazzo di Città, oltre che a compiacenti imprenditori edili. Questo il dato, che emergerebbe da alcune fonti riservate ritenute attendibili.

Venti gelidi spirano nei corridoi del comune tra facce incredule, dolorose cadute dal pero di chi pare non si sia mai accorto di nulla, e qualche indignato sulla presunta, e inappropriata pervasività della magistratura in politica.

Ma fin troppo chiaro è stato l'appello, che il Procuratore capo, Leonardo Leone de Castris, ha rivolto ad “eventuali vittime di comportamenti analoghi”, sollecitandole “nei prossimi giorni a collaborare per l'accertamento della verità e comunque chiarire la propria posizione.”

Così come sarebbe legittimo chiedersi qual è il collegamento e l'interconnessione tra lo Sportello unico per le attività produttive (Suap ), l'ufficio lavori pubblici e urbanistica, interfacciato con quello legale, che appone il sugillo alle pratiche?

Concussione e tentata concussione ai danni dell'imprenditore edile, Lello Zammarano, sono stati i capi d'accusa emersi dall'inchiesta della Procura della Repubblica di Foggia, e che hanno portato alla notifica  dell'ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip del Tribunale nei confronti di Fernando Biagini, dirigente del servizio lavori pubblici e del Suap (Sportello unico per le attività produttive), dell consigliere comunale, Massimo Laccetti, e dell'imprenditore Adriano Bruno, quest'ultimo ai domiciliari.

L'inchiesta  sull'affitto del nuovo palazzo di piazza Padre Pio, destinato ad ospitare i nuovi uffici giudiziari, partita ad ottobre 2013, in seguito ad accertamenti patrimoniali, intercettazioni ambientali e telefoniche tra il Biagini e Laccetti, ha fatto emergere un giro di tangenti per l'aggiudicazione di appalti con l'amministrazione comunale, riguardanti il servizio dei Lavori Pubblici, “in forma sistematica”.

Con queste accuse, la sera stessa sono scattati i sequesti per “equialente”. In particolare personale della squadra mobile e della Guardia di Finanza hanno sequestrato rispettivamente al Biagini un'Audi A6 da 30mila euro, 32mila euro depositati su un suo conto di deposito, oltre ad alcuni oggetti in oro custoditi in casa. 4.500 è la somma invece confiscata nell'abitazione del Laccetti.

Intanto, stamani si sono svolti gli interrogatori di garanzia per tutti e tre gli imputati. Il Biagini e Laccetti rispettivamente difesi dagli avvocati Giulio Adolfo Treggiari e Michele Curtotti. Il dirigente comunale del Suap ha negato di aver mai  preso “mazzette” dall'imprenditore Zammarano, mentre Laccetti si è avvalso della facoltà di non rispondere. In ultimo l'imprenditore Adriano Bruno ha dichiarato di aver agisto esclusivamente nell'interesse di Zammarano per perorare la sua causa di fronte al Biagini, che a luglio del 2013 aveva espresso reticenze sul fitto del palazzo di Piazza Padre Pio.

(inesmacchiarola1977@gmail.com)

 

Tags:
foggiaarrestieccellenticomune
i blog di affari
Covid, per il siero benedetto denunciano i genitori. Così invocano la libertà
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il Vaticano s'è svegliato. Ddl Zan figlio del nuovo ordine rifiuta i dissensi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
La Meloni vola nei sondaggi ma si vota solo alle primarie del Pd
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.