A- A+
PugliaItalia
Gargano. Romano (Pd) risponde a Zullo (FI) e Stefàno (Sel)

La dichiarazione di Pino Romano, Capogruppo in Consiglio Regionale del Pd:

"Pur comprendendo le esigenze da campagna elettorale di Ignazio Zullo e Dario Stefano, riteniamo da pelle d'oca la loro speculazione sull'alluvione che ha colpito il Gargano".

"Proprio ieri, infatti, il governo ha assicurato, tramite il sottosegretario alle Riforme, Ivan Scalfarotto, che la dichiarazione di stato di emergenza e una prima tanche di fondi per il Gargano potrebbero già arrivare lunedì prossimo".

"Del presidente della Regione, Nichi Vendola, rispetto a questi fatti, abbiamo apprezzato un atteggiamento maturo e rispettoso dei tempi necessari che occorrono per rispondere, in maniera concreta, a quelle che possono essere definite calamità naturali".

"In questo caso gli attacchi al Pd e a Michele Emiliano, oltre a essere paradossali, equivalgono a dire che nel Gargano i danni causati dalla alluvione sono una conseguenza della scarsa attenzione della Puglia in materia di dissesto idrogeologico, ma tutti sappiamo che non è così".

"Allo stesso modo si potrebbero additare, come causa degli enormi danni, le famigerate normative che, attraverso i condoni tanto cari ai governi del centrodestra, hanno liberato il cemento ovunque. E con quest'ultimo esempio, forse, saremmo molto più vicini alla realtà".

"Cercate allora di darvi tutti una calmata ed evitate che la foga da primarie vi faccia fare pubblicamente delle figuracce. Sopratutto agli occhi di chi, in quella alluvione, ha perso i propri cari, la propria casa e parte della propria esistenza. Loro non si sarebbero mai aspettati di diventare 'carne' per mastini affamati di polemiche da campagna elettorale. Evitate di smentirli".

zullo gnazio
 

-------------------------

In precedenza Ignazio Zullo aveva apotrofato Michele Emiliano: “Basta chiacchiere, dica cosa vuol fare per la Puglia che ha contribuito a sfasciare”.

“Ad Emiliano, che  continua a sprecarsi in dichiarazioni fatue come quelle in cui addita i suoi competitor alle primarie come democristiani (ammesso che sia un’offesa), facciamo presente che dalla nostra parte si candida Nino Marmo che, notoriamente, non ha una tradizione democristiana. Siamo seri, ci vuole un po’ di maturità politica. Ci dica, piuttosto, cosa pensa di fare per la Puglia che ha contribuito a sfasciare, qualora fosse eletto Presidente della Regione”.

“Il segretario del Pd – continua Zullo - dica ai pugliesi cosa farebbe, da Presidente, per il Gargano dimenticato dal governo nazionale del suo stesso partito; dica qualcosa sulla situazione delle Asl, avendo assistito in silenzio e contribuito al loro degrado in qualità di presidente del collegio dei sindaci del barese; spieghi come mai Bari è ferma a meno del 20% per la raccolta differenziata; ci dica come mai si è arrivati all’esposizione debitoria della Fondazione Petruzzelli o della Fiera del Levante, e tanto altro ancora. Tocchi questi temi, certamente più utili per la Puglia”.

“Non sarebbe male, poi, - conclude il capogruppo di FI - se Emiliano ci spiegasse anche come mai risulti quasi sempre assente durante le riunioni della Giunta di San Severo. Forse da Bari non partono treni per San Severo?”.

Tags:
zullofistefànoselgarganoromanopd
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.