A- A+
PugliaItalia
I partiti e la democrazia Corruzione, politica e staminali

La corruzione dilaga e corrompe la politica. Accade in questi giorni a Roma, come ieri è accaduto a Milano, Venezia, Napoli, Reggio Calabria. La piovra corruttrice attacca ogni regione e ogni partito. Chi sperava che, con Tangentopoli e la fine della repubblica dei partiti, sparisse anche la corruzione sarà rimasto deluso.

Anche queste considerazioni, apparentemente solo politiche e poco accademiche, sono alla base della scelta della Fondazione Tatarella di dedicare le sue "giornate di studio", organizzate in collaborazione con l'Università Aldo Moro, a un tema controcorrente e, allo stesso tempo, di drammatica attualità: i partiti politici.

"Oggi sparare alzo zero contro i partiti e la politica è un esercizio assai facile, per raccogliere applausi e consensi", recita la nota di presentazione dell'incontro. "Beppe Grillo e persino la Lega, in versione salviniana, ne fanno il loro core business. È, però, altrettanto vero che, asfaltati i partiti, almeno come li avevamo conosciuti nel secolo scorso, la corruzione non è diminuita".

Fondz Tatarella
 

"Anzi, sembra essere diventata la regola. Inoltre, nei simulacri di partito o movimento che siano, oggi in voga, è scomparsa oggi ogni forma di democrazia. I parlamentari sono nominati da una ristrettissima oligarchia. Dipendendo la loro elezione solo dai leader di partito, essi rispondono solo a chi li ha nominati e non al popolo, come recita la Costituzione. Nei partiti le regole vengono fatte e disfatte a piacimento di chi controlla la macchina organizzativa. Il dibattito interno, che dava vigore e vitalità ai vecchi partiti, si è ridotto solo a uno scontro di potere".

E poi continua: "Anche le tanto sbandierate primarie, elogiate a sinistra e invocate a destra, sono una parodia della democrazia, inquinate, come dimostrano le cronache locali e nazionali, dalla mobilitazione di apparati clientelari e amicali, che nulla hanno a che vedere con la vita dei partiti, peraltro quasi del tutto inesistente".

"Anche la riformetta delle provincie ha, da un lato, ridotto gli spazi di democrazia, togliendo ai cittadini la possibilità di eleggere i suoi rappresentati e, dall'altro, dato vita a un nuovo "mercato delle vacche" con vergognosi trasversalismi e cambi di casacca".

luciano violante 500
 

E ancora: "Ciò non di meno, la democrazia non conosce un'alternativa ai partiti, attraverso i quali i cittadini possono "liberamente associarsi per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale" ( art. 49 della Costituzione ). Dobbiamo allora ritornare ai partiti, disciplinandoli democraticamente con legge, in modo da garantire alla loro vita associativa e alle loro scelte politiche ed elettorali massima democrazia e trasparenza, attraverso regole certe, chiare e non modificabili ad libitum dell'oligarchia vincente".

Per dibattere su queste tematiche la Fondazione Tatarella e l'Universita Aldo Moro hanno organizzato il 10 e 11 dicembre due giornate di studio dedicate ai "Partiti e democrazia in Italia", con la partecipazione di numerosi costituzionalisti italiani e le conclusioni dell'on. Luciano Violante, Presidente emerito della Camera dei Deputati e del prof. Antonio Uricchio, Rettore dell'Università di Bari.

Le giornate di studio hanno ottenuto l'adesione del Presidente della Repubblica e il patrocinio della Camera dei Deputati, il Senato della Repubblica, la Regione Puglia, la Provincia e il Comune di Bari.

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
fondazione tatarellacorruzionepartitidemocraziapolitica
i blog di affari
Reddito di cittadinanza, chi lo percepisce non ottiene l'assegno divorzile
di Francesca Albi*
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.