A- A+
PugliaItalia
Il bivio dei Fratelli d’Italia, Poli Bortone accetta la candidatura

Bari – Il centrodestra pugliese naviga a vista e si prepara ad un altro tour de force. Stavolta, sono i Fratelli D’Italia ad essere al bivio, dopo la proposta berlusconiana della candidatura di Adriana Poli Bortone a Governatore e il disco verde accordato dalla Lega di Matteo Salvini all’ex Sindaco di Lecce. “È stato convocato un coordinamento regionale urgente per stabilire se sussistano le motivazioni per abbandonare una prestigiosa candidatura e un progetto politico che abbiamo da più mesi intrapreso”, commenta cauto il segretario regionale Marcello Gemmato, ricordando che proprio gli ex aenne avevano lanciato per primi la nomination di Francesco Schittulli alla guida della coalizione. “Ad oggi non abbiamo motivi per ritirare questo sostegno”, garantiva Giorgia Meloni in mattinata ma il pressing è forte e tutte le ipotesi vanno tenute in considerazione.

In Forza Italia il clima è teso. Da una parte l’apertura dalla Capitale di Altero Matteoli alla possibilità di un ticket tra l’ex Signora di Palazzo Carafa e l’oncologo gravinese; dall’altra Giovanni Toti si augura che “Raffaele Fitto si allinei” con la nuova linea del partito. E poi la chiusura netta del coordinatore pugliese Gino Vitali: “Schittulli non può più essere il nostro candidato, perché ha violato i patti, ci ha sbattuto fuori dalla coalizione e trattati come degli appestati. Se ora vuol fare ammenda delle sciocchezze fatte, possiamo prendere in considerazione l’ipotesi di un ticket ma con Adriana Poli Bortone candidato Presidente e lui vice.

schittulli centrodestra
 

Serve un leader in grado di unire e Schittulli non si è dimostrato in grado di farlo”, lascia aperto uno spiraglio, parlando con Affari, prima che a serrare le fila sia la stessa Donna Adriana.  Già in corsa per lo stesso ruolo cinque anni fa, la pasionaria salentina non era mai entrata nella contesa a gamba tesa, limitandosi a riconoscere a Vitali il ruolo di legittimo referente nei rapporti con i forzisti. Dal pomeriggio, però, l’aria cambia e l’interessata si espone, rispedendo definitivamente al Vicerè di Maglie qualsiasi ipotesi di tandem non concordato, derubricato a tentativo di depistaggio: “Perché parlare di ticket? Nessuno ha chiesto il ticket. Il problema era l'unità del centrodestra. È unito? Se il centrodestra non è unito la colpa è delle richieste esose di Fitto sposate da Schittulli. Se non sono stati risolti questi problemi di cosa parliamo?".

fitto a bari
 

Non è come passare il Rubicone ma anche il cambio di tono vale come cartina al tornasole per sondare gli umori. Per capire se, anche a questo giro di giostra, l’ex Ministro all’Agricoltura dell’allora Cavaliere correrà contro il nome designato da Raffaele Fitto e a Schittulli toccherà la stessa strada in salita – e la stessa sorte - di Rocco Palese, basterà aspettare fino alle 16, ora in cui è convocato il direttivo di FdI. "Ci sono le condizioni per arrivare in Puglia alla composizione di un centrodestra nuovo”, azzarda la lady di Ferro destrorsa a margine dell’endorsement della Lega, “Il fatto che siano presenti nel progetto in primo luogo Forza Italia e la Lega di Salvini, che mostra attenzione anche alle problematiche del Mezzogiorno, ma anche i rappresentanti del Nuovo Psi, dei Socialdemocratici e della Democrazia Cristiana, mi induce a pensare che potrebbe nascere un interessante laboratorio politico, pronto ad ampliarsi”. Che sia il preludio ad una tempestosa fumata bianca? E se invece arrivasse il niet del partito, sarebbe pronta a lasciarlo per una scalata in solitaria? Stiamo a vedere…

(a.bucci1@libero.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
poli bortonevitalifratelli d'italiaregionalifilega
i blog di affari
Interessi e Fisco: strana differenza tra quando chiede e quando paga
I mercati auspicano una donna come capo dello Stato: Belloni o Cartabia
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
Boschiero Cinzia
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.