A- A+
PugliaItalia
Il perimetro del centrosinistra Vendola rintuzza Romano (Pd)

di Antonio V. Gelormini

Gli attacchi reciproci tra Michele Emiliano e Dario Stefàno relativi alle ipotesi di "intese larghissime" per il rinnovo delle Amministrazioni Provinciali, argomento affrontato anche dal terzo candidato alle primarie del centrposinistra Guglielmo Minervini, non si placano. E trovano nuovo vigore nei rilanci del capogruppo in Consiglio Regionale del Partito Democratico, Pino Romano, nonchè nella puntuale risposta dello stesso presidente di Sel, Nichi Vendola. A cui in serata si aggiunge l'intervento tecnico del presidente del Consiglio Regionale, Onofrio Introna.

Ma andiamo con ordine, perchè il succedersi di dichiarazioni è stato piuttosto concitato. A riaccendere gli animi, già in tensione per i commenti non certo dolci tra Emiliano e Stefàno, la video-dichiarazione di Nichi Vendola sul "Perimetro del Centrosinistra" e sul volto della politica in generale che, "se sporcato da pasticci trasversali, rischia di trasformare in Puglia la rivoluzione gentile in una vera e propria restaurazione".

Pronta la dichiarazione del capogruppo Pd alla Regione Puglia, Pino Romano: "Ci dispiace davvero che Vendola e Stefàno abbiano scelto la strada della menzogna per arrabattare qualche consenso in una campagna elettorale in cui Sel può giocare solo a togliere qualche voto all'avversario. Ma deve essere proprio la consapevolezza di non avere nessuna possibilità di battere il segretario regionale del Pd a spingere Stefàno e Vendola a inventarsi fandonie che tutto il Pd ha già ampiamente smentito".

Pino Romano 2
 

Esordio a muso duro, che così prosegue: "Comunque, non è una novità di certa politica accusare gli altri dei propri vizi. È stata infatti Sel che in Puglia, ad iniziare dalle amministrative del 2005, ha dato lezioni magistrali di trasformismo, che andavano a pescare dal centrodestra all'Udc. Del resto, è noto a tutti che Vendola preferisca la cooptazione politica da altri partiti, piuttosto che un confronto trasparente con le altre forze politiche. Se lui coopta, è lecito; se gli altri dialogano, sono trasformisti".

"Dire, come fa oggi Vendola, che il Pd sta sporcando la politica - aggiunge poi Romano - equivale a infangare senza motivo tutto il centrosinistra, di cui Sel dovrebbe ancora far parte. Vendola ha forse già dimenticato che senza il Pd in questi anni non sarebbe riuscito a far passare neanche uno dei provvedimenti che sono stati adottati in Puglia. Provvedimenti che, in alcuni casi, avremmo forse dovuto tenere nel cassetto, così come la recente delibera che fa pagare due euro ai cittadini per prenotare un esame in farmacia e non al Cup".

"È inutile che si nascondano dietro le foglie di fico. Le contraddizioni sono evidenti e, a proposito di rivoluzione gentile, a Vendola non fischiano le orecchie quando la sua giunta delibera l'introduzione di ticket in materia sanitaria?"

emilianostefano
 

Poi il capogruppo Pd in Regione sposta la critica sul competitor salentino delle Primarie: "Purtroppo, Sel paga le contraddizioni di un progetto politico nato solo per sostenere il leader, in sacrificio del quale si è accolto tutto e il contrario tutto. E ora le contraddizioni vengono fuori una dopo l’altra. Stefàno farebbe bene a criticare e proporre cose serie che aiutino il centrosinistra a migliorare la qualità della vita dei pugliesi, come sta facendo il Pd. Per esempio, si potrebbe discutere degli errori che abbiamo commesso, perché no, anche sui Consorzi di bonifica. Invece Stefàno preferisce inventarsi storie fantasiose di inciuci che esistono solo nella testa di chi forse sogna di poterli fare davvero. Ma, purtroppo, Sel si è ridotta a questo e non ci resta che prendere atto del declino di un partito che, nella realtà, non è mai esistito".

"Il messaggio di Vendola che propone di non litigare, lo accogliamo volentieri, anche perché non siamo stati noi a inventare storie stupide. Cominci lui, però, a dare il buon esempio, e pensi a confrontarsi sul merito delle cose che servono alla Puglia".

Sel, Vendola
 

La replica di Nichi Vendola risulta piccata ed è tutta tesa ad evidenziare le contraddizioni di Centrosinistra fortemente condizionato dalle scelte del Partito Democratico: “Non sono abituato a replicare alle dichiarazioni che considero gratuitamente offensive, come quella odierna del consigliere Pino Romano che francamente non meriterebbe alcuna risposta".

"Tuttavia - precisa Vendola - mi preme svolgere una considerazione che ha rilievo politico. Io ho rappresentato, nella storia politica italiana, la critica costante alla tentazione luciferina di inglobare pezzi di centro-destra per vincere le elezioni. Io sono stato, nelle polemiche aspre con Massimo D’Alema e col vertice del Pd, l’antagonista dell’accordo con Casini, con Monti, e infine con Berlusconi e Alfano. Basta un po’ di rassegna stampa per vedere come stanno le cose".

"Conquistare l’elettorato di destra è un obiettivo legittimo e sacrosanto - ammonisce il governatore - conquistare frammenti di ceto politico abituato a ogni piroetta è un altro conto: si chiama trasformismo e produce disastri. Che vuole Pino Romano da me? Io ho solo posto un problema che mi pongono in tanti: dove finisce il perimetro dell’alleanza progressista? A questa domanda non si risponde e si preferisce buttarla in rissa".

vendola minervini stefàno ciccolella
 

"Guglielmo Minervini - prosegue poi Vendola - pone, con più vis polemica di quanto non faccia io, la stessa questione, tanti militanti del Pd si chiedono se esisterà ancora il centro-sinistra. Alle inquietudini di Minervini non si risponde e a me si offre il ruolo di target per il tiro a segno. Sono davvero stupito da una reazione che con il suo livore spiega involontariamente molto di cosa sia stata la fatica del governare: governare contro il trasversalismo degli affari, contro chi pensa che la politica sia solo un teatrino, dalla parte di quel cambiamento politico, culturale, sociale, morale, che viene chiesto a viva voce dai cittadini".

"La verità è che a Taranto e a Brindisi, dove il Pd si allea con la destra per i Consigli Provinciali, si svolgono le prove generali di una formula di governo che potremmo definire così: la Puglia peggiore…”.

(gelormini@affaritaliani.it)

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
vendoolapdromanorispostacentrosinistraperimetro
i blog di affari
Green Pass, uno strumento di discriminazione e di controllo biopolitico
L'OPINIONE di Diego Fusaro
La CGIL è la stampella dei padroni
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, arriva il 15 ottobre: l'Italia dice addio alla propria libertà
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.