A- A+
PugliaItalia
Il presepe e la fuga improbabile

Il mio presepe aveva sei Re Magi: tre in adorazione e tre a cavallo dei cammelli.

Gaspare, Melchiorre e Baldassarre, due in piedi e uno inginocchiato. Erano loro a vivacizzare la scena, molto più delle pecorelle, dei pastori o della Stella Cometa e dell'Angelo sulla grotta con il nastro "Gloria in excelsis Deo".

Il pastorello con l'agnellino sulle spalle, la lavandaia, gli zampognari, Benino e gli altri soggetti della rappresentazione, pecorelle comprese, erano un gregge di sensazioni: tutte provenienti dalle bancarelle napoletane, dove zia Lina si fermava ogni volta che ci andava, per le forniture natalizie del nostro negozio-emporio.

All'asinello mancava una zampa, al bue un orecchio. Anche i cammelli mostravano i segni degli anni e qualcuna delle lunghe zampe si era talmente assottigliata, da mostrare l'anima di filo di ferro arrugginito.

Re Magi Mantegna
 

Non c'erano lupi, ma le pecorelle - immancabilmente - diminuivano ogni anno. Il muschio era secco e le palme più basse dei cammelli. Bella la Madonna e sorridente san Giuseppe. Forse perché il Bambinello, con le gambocce accavallate, era decisamente sproporzionato rispetto agli altri personaggi.

Un gigante nella mangiatoia, ma delicato e più facile da portare nella processione casalinga del Christus, la notte di Natale (Christus natus est...) e in quella finale dell'Epifania (Christus apparuit nobis...), quando non era possibile farlo col Gesù Bambino più bello che abbia mai visto: quello della Cattedrale di Troia.

Fuga in Egitto3
 

Mia nonna Adelina (sarta apprezzata in paese) era preposta alla preparazione e alla cura del suo vestitino decorato con fili dorati, per cui soprattutto all'Epifania, quando il Bambinello tornava a casa, il Christus diventava "solenne" e la paura che potesse scivolarmi dalle mani esitanti e dalla stola-lenzuolo su cui era adagiato, faceva ogni volta novanta.

Ma il divertimento più segreto stava nella variante apportata ogni volta il 6 gennaio. Quando venivano inseriti i cammelli con i Magi a cavallo e l'asino a tre zampe prendeva Maria in groppa e, trascinato da San Giuseppe, si apprestava all'improbabile ma rituale "Fuga in Egitto".

Quel presepe, con i sei Re Magi, non veniva smontato all'Epifania, ma prolungava la sua permanenza sotto la finestra del soggiorno fino all'arrivo del Carnevale.

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
presepere magiegittocammellipalmebambinellogelormini
i blog di affari
Il New York Times minimizza l'omicidio del ricercatore italiano Davide Giri
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Italia 2^ in UE per abbandono universitario
Massimo De Donno
Super Green Pass, boom di disdette: la distruzione di economia e lavoro
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.