A- A+
PugliaItalia
ilva vendola

“Penso che a questo punto occorra pensare all’applicazione di una norma contenuta nel decreto Taranto (convertito in legge nella 231 del 2012) che prevede, a fronte di contestazioni specifiche e di inadempienze della proprietà relative ai processi di ambientalizzazione, l’istituto dell’amministrazione straordinaria. Credo che questo sia il segnale del cambiamento reale, è il segnale che Taranto attende, e cioè l’affidamento dell’ambientalizzazione ad un organo dello Stato”.

Lo ha detto il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola al termine dell’incontro svoltosi a Roma con il Ministro dello Sviluppo economico, Flavio Zanonato e il Ministro dell’Ambiente Andrea Orlando. All’incontro erano presenti anche il sottosegretario allo Sviluppo, Claudio De Vincenti e il sindaco di Taranto, Ippazio Stefàno. Un'ipotesi già avanzata da Affaritaliani.it nell'agosto dello scorso anno (vedi articolo correlato).

“Separiamo le vicende, i Riva da un lato e l’Ilva dall’altra – ha aggiunto Vendola - l’Ilva è un’azienda che, a condizione che tutte le prescrizioni dell’Aia vengano effettivamente incardinate nei processi reali di ambientalizzazione, merita di essere salvata. E’ una realtà che può rappresentare ancora, per Taranto e per la Puglia, un polmone produttivo fondamentale. Il tema è, forse, fare i conti con l’inaffidabilità e lo stile che hanno avuto i Riva”.

Vendola ha poi chiesto al Governo di istituire un tavolo permanente di crisi presso Palazzo Chigi. “È una grande crisi – ha spiegato il Presidente della Regione Puglia - si parla di un prospettiva di 40mila posti di lavoro che potrebbero andare in fumo. Per Taranto sarebbe il più grande disastro sociale, per la Puglia una tragedia, ma anche per il Sud, per l’Italia, per l’industria, per la siderurgia, per la manifattura. Sarebbe l’inizio di un effetto domino incredibile”.

Vendola ha anche ribadito che “il salvataggio dell’Ilva è condizionato dalle bonifiche, dalla restituzione della possibilità di esercitare, con pienezza, il diritto alla salute e alla vita da parte dei cittadini di Taranto”.

“Il Governo sta riflettendo – ha concluso poi Vendola – quella di oggi è stata una discussione preliminare. È la prima volta che abbiamo incontrato il Ministro Zanonato ed è stata un’occasione per scambiare idee e informazioni. La riunione ufficiale si terrà con il presidente Letta.

Nel corso dell’incontro istituzionale, il Ministro Zanonato ha anche proceduto all’audizione dei vertici dimissionari dell’azienda, l’amministratore delegato Enrico Bondi e il presidente Bruno Ferrante.

(gelormini@affaritalian.it)

 

Tags:
ilvatarantosequestrogovernorivadecreto
i blog di affari
Reddito di cittadinanza, chi lo percepisce non ottiene l'assegno divorzile
di Francesca Albi*
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.