A- A+
PugliaItalia
La candidatura plurale di Antonio Decaro (di A. Gelormini)

di Antonio V. Gelormini 

La riflessione è stata lunga, eppure gli accordi politici, per supportare la decisione finale, risalgono alla scorsa estate.

L'esitazione di Antonio Decaro è arrivata al limite della rinuncia, ma anche a quello dell'esasperazione di un'opinione pubblica ansiosa di conoscere - una volta per tutte - il parterre dei competitor, per la successione a Michele Emiliano: il sindaco più longevo (amministrativamente) della storia della città di Bari.

L'annuncio "liberatorio" è arrivato via web, attraverso una lettera-comunicato, dato che la strategia della presenza assente, o meglio, dell'assenza presente continua a dimostrarsi decisamente vincente.

Nelle ultime settimane si è parlato più di Decaro  e delle sue mosse, che di qualunque altro argomento. E i primi a subirlo e a soffrirlo, più o meno palesemente, sono stati gli stessi candidati sindaci, con i loro interlocutori nei diversi incontri pubblici.

Tanto che il candidato Di Paola, per non esserne logorato, ha deciso di accettare incontri pubblici solo tra effettivi candidati al Palazzo di Città, evitando confronti anche con chi fosse candidato a primarie. Il cui solo riferimento, come ha avuto modo di constatare anche Angelino Alfano, provoca la sua immediata presa di distanza.

L'approccio di Decaro è 'obamiano' con radici 'kennedyane': non soggettivo, ma comunitario. Infatti, non propone "la sua candidatura", ma chiede a tutti se vogliono candidarsi con lui.

Decaro9
 

Se la strategia funziona, allora non si vedrà "un uomo solo al comando", ma l'input trasmesso sarà: "cominciate a fare, mentre io non ci sono". La metafora ciclistica, che esalta i gregari, per portare al traguardo il capitano e sancire la vittoria dell'intera squadra, sarà quindi la trama di un programma destinato a segnare il futuro di una città, che si appresta ad affrontare la metamorfosi evolutiva, verso una nuova dimensione metropolitana.

Anche l'hashtag, in predicato di diventare una sorta di payoff della campagna elettorale, tenderà a coinvolgere sin dal primo contatto: #iomicandidoconte. Anch'esso catalizzatore di commenti e di condivisioni più o meno coerenti, per moltiplicare in rete il passaparola. Compresa qualche incomprensione, come quella del lettore distratto o frettoloso, che leggendo male  la spaziatura implicita, ha commentato: "Pensavo volesse fare il sindaco"!

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
decarocomunaliprimariebarisindacoweb
i blog di affari
Caso Beccaglia: "Io, donna e medico, dico che non è violenza sessuale"
Cancellare il Natale? Un modo per turbare l'identità altrui
L'OPINIONE di Diego Fusaro
BANDI ERASMUSPLUS, AIUTI AI GIOVANI, ESSP PER SICUREZZA SOCIALE LAVORATORI
Boschiero Cinzia
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.