A- A+
PugliaItalia
Introna2 foto Luciano D'Anelli

La Cassazione ha dichiarato ammissibile il referendum nazionale chiesto da nove Consigli regionali, tra i quali la Puglia, per abrogare la riforma della geografia giudiziaria, che ha tagliato le sedi dei tribunali in provincia. Dopo l’esame definitivo della Corte Costituzionale, i cittadini potranno essere saranno chiamati alle urne per dichiararsi sul SI’ o NO alla cancellazione delle norme che hanno soppresso i tribunali minori (legge statale 148/2011 e dei decreti legislativi 155 e 156 del 2012).

“Nella storia della Repubblica, sarà il primo referendum abrogativo promosso dai Parlamenti regionali”, commenta con soddisfazione il presidente dell’Assemblea pugliese, Onofrio introna. La consultazione popolare referendaria su iniziativa di nove Consigli (quattro in più del numero minimo previsto dall’art. 75 della Costituzione), per Introna è “un risultato importante, che rafforza senza dubbio gli argomenti che la Puglia porterà, domani, all’attenzione del Ministero della Giustizia, per ottenere una riflessione ulteriore, sul progetto complessivo che riguarda le sedi giudiziarie territoeriali”.

tribunale lucera

Per giovedì 14 novembre, a Roma, è fissata com’è noto l’audizione del presidente del Consiglio regionale della Puglia, Onofrio Introna, già fissata per il 5 novembre ma slittata per esigenze del dicastero.

Introna guiderà una delegazione dell’Ufficio di Presidenza e dei capigruppo consiliari. Era stato proprio il presidente del Consiglio regionale a chiedere un incontro al premier Letta e al ministro Cancellieri, per illustrare i disagi e disservizi che hanno penalizzato magistrati, operatori della giustizia e cittadini, in tutta la Puglia, dopo la chiusura o l’accorpamento delle sezioni distaccate dei tribunali nei territori provinciali.

“Vogliamo attivare un confronto utile col Governo nazionale sugli effetti dei tagli, avendo raccolto il dissenso e le preoccupazioni di quanti operano nel settore”, spiega Introna. “Non siamo insensibili alle esigenze di contenimento della spesa pubblica che sono all’origine dei provvedimenti governativi, ma riteniamo indispensabile verificare le ricadute reali, attraverso un’attenta valutazione dei benefici ma anche delle ricadute negative sulla qualità della giustizia e delle spese che i cittadini sono costretti ad affrontare per gli spostamenti più gravosi”.

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cassazionepugliatribunaliintronareferendum
i blog di affari
La CGIL è la stampella dei padroni
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, arriva il 15 ottobre: l'Italia dice addio alla propria libertà
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Pancani: “Draghi al Quirinale? Una garanzia per l’Europa”
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.