A- A+
PugliaItalia
La Puglia si fa 'Tacco argentino' A congresso tango, tangheri e passione

Presentata nella Sala Giunta del Comune di Bari la 4’ edizione del Bari Tango Congress, che si svolgerà dal 6 al 9 novembre nel capoluogo pugliese.

Con i rappresentanti dell’associazione promotrice TangOn, Tommaso Battaglia e Paolo Perruccio, rispettivamente presidente e direttore artistico e vice-presidente, sono intervenuti Mariella Lippo della Compagnia D’Autore, la regista Lorena Pasotti e il Sindaco di Bari Antonio De Caro.

“Non posso che ringraziarvi – dice il Sindaco De Caro – per aver continuato a scegliere Bari per organizzare questo evento e ringrazio anche chi prima di me ha interloquito con voi. Credo sia un ottimo biglietto da visita per la città che sceglie di accogliere con sempre maggiore frequenza le arti, dalla musica, al teatro, alla danza. E se a questo si aggiunge il consentire ai visitatori, soprattutto stranieri, di vivere la città oltre la manifestazione, conoscere la gente e apprezzare i suoi artisti, non può che essere dall’amministrazione riconosciuto come un valore aggiunto”.

“L’idea – spiega Tommaso Battaglia – non è quello di creare solo un raduno di appassionati, ma permettere a una manifestazione nata per aggregare ballerini e allievi di tango, di creare nuove potenzialità culturali e artistiche per il territorio. Fin dalla prima edizione infatti, abbiamo usato il Bari Tango Congress come contenitore in cui far confluire espressioni diverse. In quell’occasione per esempio, la manifestazione ebbe dal Comune l’utilizzo della Sala Murat per allestire una mostra fotografica e presentare brevi performance di danza che facessero da cornice cornice agli eventi e alle lezioni con i maestri ospiti”.

Anche questa 4’ edizione prova, come negli obiettivi esposti, ad aprirsi all’esterno con uno spettacolo in anteprima assoluta al Teatro Forma di Bari (il 6 novembre alle ore 21, biglietti già disponibili al botteghino del teatro, posto unico 20 euro). “Non teatro-danza e neanche un musical, ma una sinergia tra arti – spiega Mariella Lippo – perché la cultura deve essere simili a un coro dove ciascuno contribuisce con la propria voce, il proprio talento”.

Tre coppie di ballerini e due attori saranno protagonisti di Tangos de Ida y Vuelta, letteralmente Viaggio dentro e fuori di sé, accompagnati dal vivo dal duo Tango Sonos, pianoforte e bandoneon di Antonio e Nicola Ippolito. “Sono felicissima – aggiunge la regista Lorena Pasotti – di essere stata chiamata a fare parte di questo progetto perché credo che il tango, più di altri generi di ballo, esprima quel ritmo incessante della vita che è la ricerca di un incontro, con gli altri e con se stessi. E anche questa storia parla di un viaggio, intanto fisico, di spostamento da un luogo all’altro, ma sarà sempre il viaggiatore a condurci verso una consapevolezza diversa”.

“Siamo una piccola associazione con grandi progetti – conclude Paola Perruccio. Ci autofinanziamo da sempre perché crediamo che sia una bella opportunità per noi e per il luogo in cui siamo. Non vogliamo certo sostituirci agli operatori turistici, ma con orgoglio diciamo che oggi il nostro evento ha raggiunto un peso di leva internazionale portando in città circa 500 persone di cui oltre la metà stranieri, riempiendo alberghi e offrendo nel nostro piccolo una spinta alla ricettività turistica. Sarebbe bello se la prossima edizione fosse organizzata in un contenitore più centrale e i partecipanti stranieri vedessero più coesione tra associazioni e amministrazione. Lo vediamo quando siamo in giro per il mondo in altri festival, da Istanbul a Mosca. Abbiamo grandi potenzialità e se ognuno apporta il proprio contributo penso che i risultati odierni sarebbero solo una parte. Tuttavia, siamo in quella direzione”.

Tutto il programma della 4’ edizione del Bari Tango Congress è disponibile sul sito web istituzionale www.baritangocongress.com.

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
baritangocongressoargentinadanza
i blog di affari
Italia 2^ in UE per abbandono universitario
Massimo De Donno
Super Green Pass, boom di disdette: la distruzione di economia e lavoro
L'OPINIONE di Diego Fusaro
ETICA E GIORNALISMO, AIUTI EUROPEI PER REGIONI E CULTURA
Boschiero Cinzia
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.