A- A+
PugliaItalia
Lecce - Adriplan,. Introna: “La difesa del mare priorità per l'Europa”

“Un mare sano è un mare che aiuta a vivere meglio, sarebbe sconsiderato popolarlo di  torri petrolifere e aggredirlo con le trivellazioni”. Il 5° Workshop del progetto comunitario di tutela del mare Adriplan, a Lecce, ha consentito al presidente del Consiglio regionale Onofrio Introna di ribadire la posizione della Puglia nei confronti “dell’invasione delle multinazionali petrolifere, a caccia degli scadenti idrocarburi nelle profondità di Adriatico e Ionio”.

La battaglia della Puglia dura da dieci anni ma è ancora agli inizi, ha detto Introna. La difesa  dell’ambiente attuata dai governi regionali dal 2005 si è estesa alla tutela dei mari, che ha un significato strategico per valorizzare le “economie pulite”, basate sulla qualità dell’ecosistema integrato. Alla limpidezza di acque cristalline come quelle pugliesi è affidato il futuro delle spiagge, della balneazione, del diporto e commercio marittimo, della pesca, attività dalle quali traggono risorse il pil regionale e i redditi di tante famiglie. In controtendenza rispetto al resto dell’Italia, l’economia turistica pugliese fa segnare trend di incremento, e le presenze estere superano quelle italiane.

adriplan
 

La Puglia è capofila del fronte delle Regioni contro le trivelle, che va dal Friuli e Veneto alla Sicilia. “Abbiamo contrastato l’azione dei Governi nazionali, che si sono mostrati tutti ugualmente insensibili ai nostri appelli – ha fatto presente Introna agli stakeholder di Adriplan – e continueremo a farlo. Siamo ancora in inattesa di una risposta dal Parlamento sulle proposte di legge di iniziativa regionale alle Camere, che chiedono la moratoria per la ricerca e sfruttamento degli idrocarburi in mare. Abbiamo impugnato lo Sblocca Italia per lo scippo dei poterei delle Regioni in materia energetica, che paralizza le nostre azioni a difesa dell’ambiente”.

Termoli big
 

Di positivo, c’è stato l’emendamento in Senato alla legge sulle ecomafie, che ha vietato penalmente l’air gun, tecnica estremamente aggressiva, “anche nei confronti dei cetacei”. Il presidente ha ricordato gli spiaggiamenti sulle coste pugliesi, provocati dai sonar e dall’inquinamento acustico dell’Adriatico, che disorientano i delfini.

“Ma non potremmo raggiungere nessun obiettivo senza allargare all’Europa la sfera dei divieti: dobbiamo contaminare positivamente i Paesi transfrontalieri, coinvolgendoli  nel NO senza riserve alle trivelle. E necessario il coinvolgimento dell’UE e per questo ho scritto al presidente del gruppo dei socialisti democratici nel Parlamento Europeo, il lucano Gianni Pittella, chiedendogli di assumere iniziative in sede comunitaria utili alla nostra causa comune”.

L’impegno  del Consiglio regionale proseguirà anche nella prossima legislatura, Introna si è detto certo che la Regione Puglia manterrà viva l’attenzione sulla difesa dell’ambiente dei mari e di tutte quanto sia economicamente realizzabile senza vandalizzare il territorio, il paesaggio e le acque straordinarie del Sud Adriatico e dello Ionio. “A questo scopo, è decisivo sostenere un progetto importante per le nostre comunità come Adriplan”. Punta ad implementare le politiche marittime integrate,  attraverso la pianificazione e tutela del mare e delle zone costiere.  Sotto osservazione sono la regolazione del traffico merci e crocieristico, la tutela delle aree marine protette, l’indicazione di aree riservate alla pesca e allevamenti, la ricerca ed estrazione di idrocarburi, l’energia eolica offshore lo sfruttamento a scopo energetico di correnti, onde, maree.

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
lecceadriplanmaredifesaeuropa
i blog di affari
Super Green Pass al via: un ricatto, una forma di apartheid
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, l'Italia? Laboratorio del capitalismo terapeutico su scala planetaria
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Lo Sportivo Straniero in Italia: Importante Convegno
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.