A- A+
PugliaItalia
ecce operazione remetior 2

“Metodo mafioso”, questa l’espressione più volte utilizzata nel corso della conferenza stampa dal Procuratore capo della Repubblica di Lecce, Cataldo Motta, per descrivere il modus operandi dell’organizzazione criminale, presumibilmente collegata alla "Sacra Corona Unita", arrestata nel nord leccese. L’operazione - condotta da 80 militari della guardia di finanza di Brindisi, supportati dalla componente aerea e dal gruppo investigazione criminalità organizzata della guardia di finanza di Lecce - ha portato a 15 provvedimenti di custodia cautelare. Le persone indagate sarebbero 26.

Cataldo Motta

I provvedimenti sono stati disposti dal gip del Tribunale di Lecce, Simona Panzera, su richiesta del sostituto procuratore di Lecce, Alessio Coccioli, e del procuratore aggiunto di Brindisi, Nicolangelo Ghizzardi. Associazione per delinquere di tipo mafioso, rapina a mano armata, lesione personale, detenzione e porto abusivo d’armi, lesione personale, furto, associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti e favoreggiamento personale: questi i reati contestati ai soggetti destinatari dei provvedimenti cautelari, grazie all’attività investigativa dell’operazione denominata “Remetior II”, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Lecce.

guardia di finanza fiamme gialle

L’operazione ha colpito noti esponenti della “Sacra Corona Unita”, sgominando un’associazione per delinquere di tipo mafioso finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. In cima all’organizzazione mafiosa Salvatore Caramuscio, alias “Scaramau”, già condannato in passato per analoga fattispecie di reato e considerato dal boss Filippo Cerfeda suo unico erede nella zona di Lecce. A seguire, nella “catena di montaggio piramidale”, Leandro Luggeri (alias “Il nipote”); Salvatore Perrone, 47enne meglio noto come “Friculino”; Marianna Carrozzo, 37enne; Stefano De Lorenzis, 23enne conosciuto anche come “Catacumba”; Cristian Lazzari, 30enne; Daniele Longo, 32enne; Francesco Luggeri, 34enne; Andrea Perrone, 22enne; Leonzio Perrone, 31enne; Marco Pitenda; Giuseppe Russo, 30enne; Cosimo Spagnolo, alias “Mimì o Mimino”, 44enne; Andrea Vincenti, meglio noto come “Riella”, 22enne ed Angelo Vincenti, 22enne.

Presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone

L’associazione criminale, ha spiegato lo stesso Procuratore capo della Repubblica di Lecce, si muoveva tra le province di Lecce e Brindisi, spostando copiose partite di cocaina. Le numerose intercettazioni telefoniche, anche all’interno dello stesso carcere di Lecce, hanno reso possibili non solo gli arresti ma anche la definizione e l’analisi di una vera e propria geografia mafiosa: l’organizzazione criminale, sfruttando omertà, atti intimidatori, rapine e sparatorie, perpetuava un vero e proprio controllo del territorio. "Ci sono state delle rapine violente - ha spiegato Motta - ed episodi punitivi che rientrano negli aspetti caratterizzanti le associazioni di tipo mafioso. Sempre le stesse modalità, non sono fatti nuovi o ai quali non siamo abituati".

Entusiasta il presidente della Provincia di Lecce, Antonio Gabellone: “Un’altra testimonianza di una presenza costante e operativa, anche silenziosa,  di forze dell’ordine e magistrati che conoscono a fondo il territorio, laddove riescono ad arrivare in profondità, con pazienti e costanti indagini a importanti risultati operativi. Lo Stato e le forze dell’ordine sono presenti”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
scaramaumottaguardia di finanzagabelloneleccesacra corona unitadroga
i blog di affari
Interessi e Fisco: strana differenza tra quando chiede e quando paga
I mercati auspicano una donna come capo dello Stato: Belloni o Cartabia
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
Boschiero Cinzia
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.