A- A+
PugliaItalia
bubbico prefetto

Lecce – “Le firme su questi protocolli spero che segnino l’inizio di una ripresa di attenzione nei confronti dei fenomeni mafiosi”. Lo ha dichiarato il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola intervenendo presso la Prefettura di Lecce al convegno “La tutela antimafia alla luce del nuovo Codice: tra protocolli di legalità e accordi interistituzionali”.

All’iniziativa ha partecipato il Vice Ministro dell’Interno Vincenzo Bubbico. Nel corso dei lavori oltre all’adeguato del Protocollo d’intesa “La Rete dei Responsabili della Legalità negli appalti pubblici” sottoscritto il 9 Ottobre 2012 da oltre 120 stazioni appaltanti,  firmati da Prefettura di Lecce e Comune di Gallipoli l’intesa Le autorizzazioni e le licenze amministrative: le nuove frontiere degli interessi mafiosi e l’attività di prevenzione, e con i Presidenti di Corte d’Appello e Tribunale di Lecce l’accordo finalizzato alla circolarità delle informazioni nella disponibilità degli uffici giudiziari per una maggiore speditezza nell’accertamento dei requisiti antimafia.

“Noi – ha spiegato Vendola – siamo prigionieri di una fin troppo lunga omertà. La mafia è forte soprattutto quando la politica è debole, quando la democrazia è debole, quando si ha paura di parlare, quando domina l’illegalismo, la spregiudicatezza di una vera e propria cultura dell’intimidazione e della violenza”.

vendola e gabellone 2

Occorre, quindi, secondo il Presidente della Regione Puglia “illuminare. Illuminiamo Gallipoli, non solo la sua bellezza, ma anche le sue ferite. Non abbiamo paura di parlare dell’epopea del clan Padovano, non abbiamo paura in altri territori di parlare di altri clan. Non possiamo immaginare che la lotta alla mafia debba essere un corpo a corpo tra le forze dell’ordine, la magistratura  e i boss. La lotta alla mafia è un’opera di bonifica dei territori, passa per una diffusione di cultura della legalità, per una riappropriazione millimetro dopo millimetro del proprio territorio. Credo che quando si capisce che la mafia è un attentato alla libertà individuale, forse si ha più forza di reagire”.

Il Presidente Vendola ha poi commentato la notizia annunciata dal Vice Ministro Bubbico sull’invio di nuove forze dell’ordine sul territorio salentino “si tratta – ha spiegato Vendola – di una notizia importante, ma noi abbiamo bisogno nei nostri territori di un invio di diritti, di un bombardamento di posti di lavoro, di assistenti sociali. La lotta alla mafia non può essere un paradigma militare, ma è soprattutto la costruzione di un’antimafia sociale. Quando cresce l’esercizio dei diritti di cittadinanza, allora si affievolisce il potere della mafia. Quando i cittadini sono meno cittadini e sono più clienti o sudditi, allora la sovranità mafiosa fa sentire la sua violenza”.

Tags:
leccebubbicoprefettovendolamafiaterritoribonifica
Loading...
i blog di affari
Casaleggio e i 5Stelle: quel sospetto sulle ricandidature
Premio Golia 2021: straordinaria partecipazione
Laurea bruciando i tempi? Prima bisogna risvegliare la passione per la cultura
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.