A- A+
PugliaItalia
Lecce, Perrone condanna a 10 mesi Omicidio colposo responsabile oggettivo

Paolo Perrone é stato condannato a dieci mesi di reclusione dal giudice monocratico del Tribunale di Lecce Silvia Minerva per la morte dell'avvocato leccese Carlo De Pace, rimasto intrappolato nella sua auto il 21 giugno 2009 in un sottovia di Lecce allagato per un nubifragio.

L'accusa aveva chiesto un anno e sei mesi. Dieci mesi sono stati inflitti anche al dirigente comunale del settore Lavori pubblici, 6 mesi all'ex comandante della polizia municipale accusato di favoreggiamento personale.

Per il giudice, il primo cittadino è responsabile: non ordinò la chiusura preventiva del tratto di strada.

Il sindaco, presente in aula per la prima volta dall’inizio del processo, ha preferito commentare attraverso i social network: “Oggi, a cinque anni di distanza da quel tragico episodio che ha segnato dolorosamente il mio primo mandato da sindaco, sono stato condannato, per omicidio colposo, a dieci mesi di reclusione per la morte dell’avvocato Carlo De Pace nel sottopassaggio di via del Mare".

"Una sentenza della quale prendo atto, pur consapevole di essere totalmente estraneo a quella drammatica dinamica di eventi. Nel momento in cui, in un Paese come il nostro, sono divenuto primo cittadino di Lecce, ho implicitamente accettato di dovermi eventualmente addossare anche responsabilità del genere. Sono fiducioso, però, che la mia estraneità a quel tragico episodio sarà riconosciuta dal giudice di secondo grado”.

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
perroneleccecavalcavianubifragiocondanna
i blog di affari
Zaino sospeso: l'iniziativa continua
Vaccino, Camilla Canepa morta: cade la formula "nessuna correlazione"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
la nomina dell'esperto per il risanamento aziendale (2)
Angelo Andriulo
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.