A- A+
PugliaItalia
Lettieri

Luigi d'Ambrosio Lettieri, coordinatore PdL Grande Città di Bari, interviene sulla Sanità pugliese, dopo il rifinanziamento della CIG.

“Adesso che il Governo ha approvato il rifinanziamento della CIG, si colga l'occasione per trovare finalmente una soluzione che restituisca dignità ai lavoratori dimenticati delle cliniche riunite".

"La vicenda dei lavoratori ex Ccr ha del paradossale. Accanto alla tragedia umana e sociale di chi chiede da 18 anni di poter lavorare e si ritrova, ferito nella dignità, con un reddito minimo che ovviamente non gli consente di sostenere sé stesso e la sua famiglia, c’è anche un aspetto che investe le modalità di utilizzazione delle risorse pubbliche destinate alla riqualificazione professionale di questi lavoratori e al danno all’erario costretto a pagare i costi pluriennali di scelte evidentemente sbagliate o inopportune".

"Circa quattrocento famiglie attendono una ricollocazione lavorativa. E risposte concrete".

Tags:
d'ambrosio lettieripdlpugliasanitàcig
i blog di affari
Separazione, padre assente da 20 anni: così i figli possono chiedere i danni
di Avv. Violante Di Falco *
Covid, per il siero benedetto denunciano i genitori. Così invocano la libertà
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il Vaticano s'è svegliato. Ddl Zan figlio del nuovo ordine rifiuta i dissensi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.