A- A+
PugliaItalia
celone
 

Continua ad essere martoriata dal maltempo la provincia di Taranto, spettatrice indifesa della violenza  delle acque e al contempo dell’incapacità dell’uomo di mettere in sicurezza in via definitiva un territorio a continuo rischio idrogeologico.

“L’alluvione delle scorse ore ha causato l’ennesima esondazione del fiume Lato – dice il Alfonso Cavallo, Presidente di Coldiretto Taranto - il blocco della Statale 106 jonica che inibisce i collegamenti con la Calabria e la Basilicata. E ancora strade dissestate che rendono inaccessibili dette zone, vigneti coperti d’acqua fino ai teli e attualmente è chiusa al traffico la complanare che immette sulla 106 nei pressi della zona “salsificio”.

“Oltre al danno immediatamente accertabile e quantificabile – denuncia Presidente della Coldiretti Puglia, Gianni Cantele -  c’è da mettere in conto la ripercussione della crisi di deflusso dei canali di scolo della bonifica, con il relativo allagamento dei terreni e il rischio/certezza di fenomeni di marciume radicale. Particolarmente grave la situazione a carico del comparto orticolo, dove in questo periodo erano stati appena trapiantati gli ortaggi autunno vernini, spazzati via dalla violenza delle acque. Stessa drammatica situazione a Foggia, dove è esondato il torrente Cervaro, provocando l’allagamento di carciofaie, asparagiaie e ettari di seminativi, dove gli imprenditori agricoli dovranno necessariamente riseminare il grano”.

alluvione
 

In provincia di Taranto le piogge hanno provocato allagamenti nelle zone petrosa, fontana del fico e nelle lame tra Palagianello e Castellaneta.

“Hanno addirittura evacuato le famiglie di Ginosa Marina – continua il Direttore di Coldiretti Taranto, Aldo De Sario – perché hanno aperto gradualmente la diga di San Giuliano, ormai stracolma di acqua. E’ impensabile che l’imprenditoria agricola debba continuamente pagare per una gestione schizofrenica del territorio. Centinaia di ettari sono stati allagati con distruzione di tutti i seminativi, sradicati i vigneti e divelti alberi di agrumi e ulivi. Tra Ginosa, Laterza, Castellaneta e Palagianello gli imprenditori agricoli denunciano strade dissestate o addirittura chiuse, Allagate le aziende zootecniche, dove è andato distrutto il foraggio”.

“E’ evidentemente pregiudicato – conclude il Direttore della Coldiretti Puglia, Antonio De Concilio – lo sviluppo economico di territori su cui operano imprese agricole che hanno subito danni ingenti. L’assoluta mancanza di liquidità e le gravi situazioni debitorie che ne conseguiranno necessitano di interventi non riconducibili alle calamità “ordinarie”, dovranno prevedere urgenti investimenti atti a riprendere l’attività agricola”.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
coldirettifoggiatarantoesondazionidanniagricoltura
i blog di affari
Green Pass, uno strumento di discriminazione e di controllo biopolitico
L'OPINIONE di Diego Fusaro
La CGIL è la stampella dei padroni
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, arriva il 15 ottobre: l'Italia dice addio alla propria libertà
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.