A- A+
PugliaItalia
LuigiD’AmbrosioLettieri
"Le minacce via web alla presidente della Camera, Laura Boldrini vanno condannate senza se e senza ma. E concordo perfettamente con la ministra Kyenge, anch'ella oggetto di squallide definizioni, quando dice che la violenza contro le donne non ha colore. Una violenza che può avere mille facce,  e non diventa meno spregevole e inquietante quando colpisce al riparo di uno pseudonimo o dell'abbraccio della rete. La nostra solidarietà, dunque, è incondizionata". Lo dichiara in una nota il sen. del PdL Luigi d'Ambrosio Lettieri.
 
"Bene ha fatto la Procura di Roma ad aprire un fascicolo", aggiunge Lettieri, "ritengo, altresì, che l'istigazione all'odio, razziale, religioso, sessista, ma anche politico, debba sempre essere perseguito applicando, tra l'altro, le norme già vigenti e che questo deve valere per tutti, assicurando in ogni direzione rispetto e attenzione".
 
"Il mio auspicio è che non debbano essere affrontati in questo clima temi sensibili come la cittadinanzae le pari opportunità e l'immigrazione, sulla cui calendarizzazione in Parlamento certamente la presidente Boldrini assumerà un atteggiamento super partes, come impone il suo delicato ed importante ruolo".
 
Iscriviti alla newsletter
Tags:
boldrinid'ambrosio lettieriminaccesolidarietà
i blog di affari
Quirinale, il dopo Mattarella: a Palazzo Chigi serve Draghi o un suo affine
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Il 25° brano dei Jalisse presentato al Festival di Sanremo 2022
CasaebottegaJalisse
Relazione extraconiugale, la mia amante sa che sono single. Rischio un reato?
di Avv. Francesca Albi*
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.