A- A+
PugliaItalia
Minervini: “La forza dello zero. Sfida in 5 anni. Fare di più, consumando meno”

di Antonio V. Gelormini

"La terra è l’utero nel quale viviamo. Stop abusi. Se l’ambiente è in buona salute, lo siamo anche noi”. Lo ha detto Guglielmo Minervini, candidato alle primarie del centrosinistra, durante l’incontro clou della sua campagna, “La Forza della Vita”, organizzato nell’Impact Hub della Fiera del Levante.

Una sorta di incontro a sfondo divulgativo, nel classico stile Piero Angela, teso a stimolare attenzioni e coscienza critica nei confronti dei temi legati all'Ambiente, al Benessere e alla Vita stessa , prim'ancora che alla sua qualità, e favorire un processo consapevole in grado di "cambiare veramente verso" al declino globale in atto.

Un evento da “tutto esaurito” che ha riunito docenti universitari, studenti, professionisti, operai, famiglie e addirittura neonati. Comune la determinazione a sostenere la politica del “benessere”. Non più disposti a delegare ad altri il governo della regione, ma determinati a scegliere l’uomo che li possa meglio rappresentare e tutelare.

Così sono stati quattro gli interventi che hanno preceduto quello di Minervini. Si è parlato di Aria, Acqua, Terra e Fuoco. A introdurre il dialogo con i cittadini è stato Cristiano Simone, medico genetista ed esperto in genetica oncologica: il quinto elemento e ideatore dell’iniziativa. Drammatiche le proiezioni da qui ai prossimi 80 anni. Saranno esposti al cancro un uomo su due e una donna su tre stimando l’insorgenza di 20 milioni di tumori in Italia e mille nuove diagnosi ogni giorno. “Ma usciamo dallo spavento”, l’esortazione di Simone. E la raccomandazione: “Bisogna tornare alla vita e al ciclo della vita”.

Minervini Forza
 

Quindi la parola è passata a Elvira Tarsitano, biologa ambientalista (Acqua), Gianluigi De Gennaro, ricercatore di chimica dell’ambiente (Aria) e a Matteo Spagnuolo, ricercatore di chimica agraria (Terra). Tutti hanno ricordato gli effetti di alcune scelte dell’industria come dei processi agricoli.

Forza della vita
 

“L’ambiente è dentro di noi”, ha quindi sintetizzato Minervini. “La qualità del nostro ambiente prima o poi diventa la qualità della nostra vita", ha proseguito. "Quello che beviamo, mangiamo, respiriamo, entra dentro di noi e dall’ambiente si trasferisce all’interno del nostro corpo”. Da qui l’importanza di prendersi cura dell’ambiente. 

“La sfida di questa sera - ha aggiunto Minervini - vuole indurre a prendere coscienza che lo sviluppo della Puglia, nei prossimi 5 anni, dovrà essere messo di nuovo in armonia e in relazione con l’ambiente. Sui rifiuti, sulla qualità dell’agricoltura, sullo spreco del territorio, sulla qualità dell’aria, sulle forme di mobilità, sul rapporto che abbiamo con le grandi presenze industriali, dall’Ilva a Cerano, il tema delle grandi infrastrutture, dovrà essere ripassato al vaglio della sostenibilità ambientale”.

"Affrancarci dai vincoli della Natura, per costruire una civiltà a misura egoistica, è stato fatale. La spazzatura sotto il tappeto strabocca. Dal DDT all'amianto, fino all'Ilva di Taranto e altrove, ci ha portato ad essere propaggine del Crepuscolo della modernità", sono stati alcuni dei passaggi più efficaci di Minervini.

Minervini Zero3
 

Che poi ha aggiunto: "Intossicando la Natura, stiamo uccidendo noi stessi. E il filo di questo discorso è tutto politico. Dobbiamo recuperare la forza dello Zero. La partita dei prossimi 5 anni si giocherà tutta sulla capacità di fare di più, consumendo di meno"

A margine dell’incontro c’è stato chi poi ha chiesto a Minervini, in corsa per la scelta del candidato alla presidenza della Regione Puglia, quale atto gli piacerebbe firmare per primo, in caso di elezione assieme alla sua giunta.

“Il primo atto serio, forte, drastico, radicale, potrebbe essere quello di dire zero consumo di terra – risponde - Il suolo è una risorsa scarsa. Ne abbiamo abusato negli scorsi anni. Il territorio cheabbiamo antropizzato basta per i nostri bisogni. Basta col cemento armato abusivo. Basta con l’uso scriteriato della terra. La terra è l’utero nel quale viviamo. Consumo di suolo zero sarebbe il mio primo atto”.

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
minervinisfidazeroprimariepugliaconsumoambiente
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.