A- A+
PugliaItalia
Ospedale dell'Alta Murgia Longo (Udc): 'Basta rinvii'

"Le notizie sull'ennesimo rinvio dell'apertura dell'Ospedale della Murgia, ufficiosamente da marzo a giugno, hanno creato ulteriore indignazione tra i cittadini di Altamura e Gravina in Puglia nonché degli altri Comuni che fanno parte del bacino", lo dichiara il consigliere regionale dell'Udc Peppino Longo.

"E' un'altra mazzata alla fiducia verso la classe dirigente della Regione ed ormai lo stanco ritornello 'apre - non apre' è diventato talmente stucchevole che i cittadini si sentono presi in giro".

"Spero che siano anche infondate le preoccupazioni espresse sulla circostanza che addirittura gli ascensori non siano adeguati per le barelle, sarebbe davvero un altro brutto capitolo di questa vicenda fatta di ritardi".

"Una vicenda che è diventata una vergogna, una storia di cattiva gestione della Puglia: è finito ormai da un pezzo il tempo di dire che 'tutto va bene' e 'tutto procede' ".

"Altro aspetto fondamentale da non sottovalutare è che la struttura deve essere ricca di professionalità di alto livello e di contenuti sanitari all'avanguardia. Infatti, a prescindere dalla data di apertura o dall'intitolazione, questo ospedale deve essere un'eccellenza in grado di dare tutte le risposte ai bisogni dei cittadini senza diventare una cattedrale del deserto come tante altre".

Tags:
ospedalealta murgiagravinaaltamurarinviolongoudc
i blog di affari
Via le mascherine all’aperto, per il Cts ci siamo: ecco la data
Chi al Colle dopo Mattarella? Gli italiani votano Draghi e Conte
Tra Conte e Grillo manca l'intesa: salta la presentazione dello statuto
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.