A- A+
PugliaItalia
Pittella, incisivi su Patto Stabilità Consolidare forza PD e Matera 2019

di Antonio V. Gelormini

Gianni Pittella da autentico lucano, di antica tradizione popolare, il suo accento "terrone" non lo perde. Anzi, ne fa quasi un ingrediente indispensabile ad arricchire la sua intensa attività di parlamentare europeo e a Bruxelles il suo inglese e il suo francese risultano simpaticamente segnati da quelle autoctone inflessioni meridiane.

Pittella Modugno
 

Vicepresidente vicario del Parlamento Europeo e capogruppo dell'Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici, è una sorta di Lorenzo de' Medici del Sud, essendo figlio dell'ex senatore Domenico Pittella e fratello del presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella.

All'indomani dei tragici fatti di Parigi e in un passaggio alquanto delicato per l'Europa intera, dove si è appena concluso il semestre politico a guida italiana di Matteo Renzi, l'euro-parlamentare di Lauria ad Affaritaliani.it racconta come il Partito Democratico abbia raggiunto il risultato auspicato di rendere più "sostenibili" e soprattutto "più coerenti" i parametri del Patto di Stabilità.

Di come l'intero gruppo progressista sia riuscito a far fronte comune, dimostrando le potenzialità da mettere a frutto, per dare all'Europa una personalità più consona al suo ruolo nel quadro inernazionale e meno succube delle rivendicazioni nazionalistiche ancora vive nel consesso comunitario.

Ma anche di come stia provando, con l'esperimento di Laboratorio Democratico, a dare nuovo vigore attrattivo all'azione politica del Partito Democratico, per allargarne le opportunità di crescita territoriale e moltiplicarne le basi di dialogo. Utili a potenziali alleanze, sul confronto concreto degli interventi possibili: relativi a fuoriuscita dalla crisi, ricerca di nuove occasioni di crescita produttiva e di forme di lavoro, nonchè al rilancio dell'intera area meridionale nel contesto intercontinentale, che rivede il Mediterraneo al centro delle dinamiche economiche, politiche e sociali dei prossimi decenni.

foto(84)
 

Infine una nota anche sull'entusiasmante elezione di Matera a Capitale Europea della Cultura nel 2019, un riconoscmento che responsabilizza un'intera macroarea del Mezzogiorno, chiamata a dimostrare con la creatività e lo spirito d'accoglienza che la contaddistingue il tipo di "futuro moderno", che vuole dare a un passato glorioso e avvincente come quello del Sud.

Matera, Taranto, Bari ed anche Lecce, con le altre cosiddette capitali mediterranee, avranno l'occasione unica di "mettere in luce" tutta l'intraprendeza, l'orgoglio e la voglia di riscatto custodita - come 'la pietra filosofale' - nel DNA di una Terra capace di risorgere ogni mattino. Come il sole che da sempre la bacia e ne mette in risalto doti, valori, contrasti e contraddizioni sulla frontiera lunga di un orizzonte profondo, ricco di opportunità e animato dai riflessi luccicanti di speranze condivise.

(gelormini@affaritaliani.it)

 

 

 

Tags:
pittellamaterapdrenzipatto stabilitàlaboratorio democratico
Loading...
Loading...
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Lega partito rivoluzionario? No, l’ennesimo difensore dell’ordine dominante
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Lega, Salvini teme il voto all’estero: “Troppi brogli”
Giorgia Meloni sul caso Renzi: "Il Copasir si deve occupare di queste cose"
i più visti

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.