A- A+
PugliaItalia
Puglia ed Energie Rinnovabili Med-Desire , sfida Mediterranea

di Antonio V. Gelormini

 Il settore continua ad essere tra i più monitorati dagli investitori internzionali, l'orizzonte 2020 mette in evidenza contrasti e sbavature nei processi di adeguamento alle percentuali richieste per la produzione di energie rinnovabili. La Puglia ha superato l'obiettivo già dal 2012 e si avvia verso un 50% di produzione eccedente il suo fabbisogno. L'impressione che la situazione sia sfuggita di mano è forte. Il paradosso di una normativa nazionale unidirezionale verso l'incentivazione e poco previdente sul fronte tutela e salvaguardia del patrimonio comune ambientale e paesaggistico, ha provocato non pochi contrasti e conflitti con gli enti territoriali (a loro volta autonomi sul fronte delle concessioni). In pratica, un colossale difetto di concertazione oggi richiama tutti a "darsi una regolata".

"Un paese intelligente è quello che ricerca il costante equilibrio tra la tutela del territorio, del suolo e dell'ambiente, da un lato, e lo sviluppo delle fonti rinnovabili di energia dall'altro. Oggi la Puglia produce il 45% in più dell'energia di cui ha bisogno: questo è anche per effetto dell'assenza di un piano energetico nazionale. Occorre quindi ripensare le politiche e le normative nazionali, in modo da trovare l'equilibrio tra tutela del territorio ed espansione delle rinnovabili, in grado di creare una cornice coerente e appropriata per gli investimenti privati". Lo ha affermato l'assessore allo Sviluppo Economico della Regione Puglia, Loredana Capone, intervenendo alla Conferenza Internazionale "A solar future in the Mediterranean", per la presentazione ufficiale al grande pubblico del progetto MED-DESIRE (MEDiterranean DEvelopment of Support schemes for solar Initiatives and Renewable Energies).

"La Regione Puglia sta quindi investendo nella ricerca e nell'innovazione, che mirano a produrre, tra l'altro, impianti mini, micro-eolici e film fotovoltaici sottili a basso impatto ambientale – ha proseguito l'assessore Capone – in questo ambito "MED Desire rappresenta una piattaforma intelligente, sui temi del solare, che possiamo costruire partendo sia dai punti di forza, presenti nelle regioni come la Puglia, che più delle altre investono nelle rinnovabili, sia dalle criticità emerse dalle esperienze fin qui fatte".

impianto solare 500
 

Cofinanziato dall'Unione Europea attraverso il Programma ENPI CBC Bacino del Mediterraneo 2007-2013, per un importo di circa 4.192.000 euro, il progetto mira a diffondere l'efficienza energetica e, in particolar modo, l'energia solare in tutta l'area del Mediterraneo. Un ruolo di primo piano è giocato dalla Regione Puglia, che è leader di progetto e che, in questa veste, ha il compito di sostenere la cooperazione con i Paesi della sponda sud del Mediterraneo sui temi dell'efficienza
energetica e dell'energia solare.

"Nel campo delle rinnovabili, la Puglia ha acquisito un'esperienza forte, che oggi può trasformarsi in una grande opportunità: quella di concentrare gli sforzi e gli investimenti pubblici e privati nella
ricerca e nell'innovazione non solo sulle tecnologie di produzione e sul loro miglioramento progressivo, bensì soprattutto su tutte le problematiche che tali tecnologie possono comportare in termini di impatto sull'ambiente - ha dichiarato la presidente dell'ARTI Eva Milella, che ha anche sottolineato come sia "del tutto aperta la questione relativa alle modalità più efficienti di smaltimento degli impianti al termine del loro ciclo di vita. Su questi temi, che sono le vere frontiere tecnologiche dell'immediato futuro, la Puglia può sicuramente contribuire ad elaborare possibili risposte".

Med Desire
 

La conferenza internazionale di Bari, alla quale partecipano tutti i partner di progetto, è l'occasione per discutere diffusamente delle politiche energetiche nazionali e internazionali, nel cui quadro si inserisce il progetto MED-DESIRE, nonché delle opportunità di business nel bacino del Mediterraneo, per il settore delle tecnologie solari. Tra gli interventi, molto attesi quelli del segretario generale del CIHEAM Cosimo Lacirignola, del presidente del Comitato nazionale del Programma ENPI CBC-MED Bernardo Notarangelo, della dirigente del Servizio Ricerca industriale e Innovazione della Regione Puglia Adriana Agrimi e del direttore del Centro libanese per la conservazione dell'energia Pierre El Khoury.

MED-DESIRE è realizzato da un consorzio di nove partner provenienti da cinque nazioni (Italia, Spagna, Tunisia, Libano ed Egitto) con il coordinamento della Regione Puglia - Assessorato allo Sviluppo Economico - Servizio Ricerca Industriale e Innovazione: per l'Italia, il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, l'Enea (l'Agenzia nazionale italiana per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile); per la Spagna: l'Agenzia Andalusa per l'Energia (AAE), l'Istituto Andaluso di Tecnologia (IAT), il Centro di Ricerche Energetiche, Ambientali e Tecnologiche - Piattaforma solare di Almeria (CIEMAT - PSA); per la Tunisia: l'Agenzia Nazionale per la Conservazione dell'Energia (ANME); per il Libano: il Centro per la Conservazione dell'Energia (LCEC); per l'Egitto: l'Autorità per l'Energia Nuova e Rinnovabile (NREA). L'ARTI - Agenzia Regionale per la Tecnologia e l'Innovazione è ente co-attuatore del progetto per la Regione Puglia.

L’occasione per imprese, istituzioni e associazioni nazionali e locali per scambiarsi informazioni sulle esperienze di cooperazione e buone pratiche nel settore dell'energia solare, nonché di avere una panoramica sul mercato solare nei Paesi partner del progetto, che a loro volta potranno entrare in contatto con potenziali investitori italiani e operatori del mercato.

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
caponepugliaenergierinnovabilimed-desire
i blog di affari
Il Vaticano s'è svegliato. Ddl Zan figlio del nuovo ordine rifiuta i dissensi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
La Meloni vola nei sondaggi ma si vota solo alle primarie del Pd
M5s, lo strappo è a un passo. E ora può nascere il partito di Conte
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.