A- A+
PugliaItalia
Quando la parola è viaggio

Quando la parola è viaggio

E oggi termina un altro mio viaggio che ha avuto inizio insieme a Rocco Boccadamo “ai primi albori del 2012” e si è dispiegato sino al 21 ottobre 2012, per quasi un anno intero,un viaggio pagina dopo pagina attraverso il suo libro diario “Una matinée al Santalucia, lettere ai giornali e appunti di viaggi”, che, a detta dell’autore, è “una miscellanea di sensazioni, immagini, sentimenti, eventi, riflessioni”.

Ho pensato spesso, mentre le pagine scorrevano, a quel che ha scritto Maria Corti “Facendosi la parola viaggio immagine e metafora di un processo sia creativo sia critico, essa al di là della nozione di percorso può significare l’inaspettato, un senso originario della cose, direzione, deviazione, nomadismo della penna o tutte
queste cose insieme; vocabolo regale dentro il suo campo semantico e mai del tutto ponderabile: si sceglie un percorso, ma non le avventure che occorrono durante un viaggio…viaggio dell’autore verso il testo, viaggio
di ogni lettore nel testo”.

L’ho pensato perché, pagina dopo pagina, mi è sembrato di compierlo anch’io il percorso nell’aspettato e nell’inaspettato, nel noto e nel meno noto, nel passato e nel presente, nel ricordo e nel desiderio del futuro; un
rosario di pensieri, di immagini, di sensazioni, di profumi, di colori, sempre così antico e sempre così nuovo, nel miracolo di un’alba che avanza ad oriente, nel fuoco di un tramonto, nel soffio del maestrale, nella serena distesa dell’infinito al di là d’un balcone sospeso sul mare, nel volto d’argento d’una luna piena che si osserva ed accanto si ha il nipotino e tutto assume valore diverso.

uliveti salento
 

Rocco Boccadamo pennella paesaggi che non è facile descrivere perché sono davvero così unici da far pensare a creature vive, vere, palpitanti che si offrono allo sguardo e attendono dì essere carezzate ed amate e narrate; Rocco scrive e descrive, con il pudore di un innamorato della sua terra; con l’attenzione di un  “osservatore di strada” come egli si definisce, che possiede un bene grande “il mondo dei ricordi… piccoli o importanti, li rievoco continuamente, intessendo finanche dialoghi con loro, per poi, di volta in volta, serbarli preziosamente in una sorta di tabernacolo espressamente riservato”.

Rocco rievoca, intesse dialoghi, conserva e poi regala, scrivendo, agli altri i suoi ricordi. E i ricordi salvano lo scorrere d’una vita, i paesi dell’anima e gli angoli testimoni dello dell’esistenza, i personaggi che fanno parte ormai del mondo del mito, che ogni lettore, se lo vorrà, potrà scoprire, pagina dopo pagina, e ritroverà che appartengono anche alla sua storia personale e gli verrà voglia, ne sono sicura, di risentire voci, di continuare a sognare e ad illudersi, di sperare che tutti leggano le lettere e gli appunti che Rocco ha raccolto e poi, anche di questo sono sicura, ognuno, ogni lettore, avrà voglia di rivolgere un grazie a Rocco e alla sua dedizione alla scrittura che salva e protegge dalla superficiale dimenticanza.

di Giuliana Coppola

Salento gialloblu
 
Tags:
boccadamosalentoviaggioscrittura
Loading...
i blog di affari
Covid, lo smart working è il paradiso soltanto per i gruppi dominanti
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Lotta contro il razzismo, l'ennesimo strumento di controllo del tecnocapitale
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Riminaldi incontra il Guercino e i giganti del Barocco
Gian Maria Mairo
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.