A- A+
PugliaItalia
Quattro triglie, per una coppia

di Rocco Boccadamo

Si era ai tempi del mitico attacco dell’Inter formato da tali Jair, Mazzola, Peirò, Suarez e Corso, delle prime autovetture “Cinquecento” cui si faceva un discreto rifornimento mediante 500 (lire) di super e 500 di normale, di un poco più che ventenne impiegato sportellista appena coniugatosi, stipendio mensile intorno alle ottantamila lire, assorbito per il 35% dall’affitto di casa.

GRANDE INTER
 

Nella città vecchia di Taranto, s’affacciava, presso Piazza Fontana, la pescheria “Bellavista” (non è dato sapere se esista ancora) e, saltuariamente, il giovane bancario, alla fine dell’orario di lavoro nella vicina Agenzia all’imbocco del Ponte di pietra, era solito transitarvi per procurarsi una manciata di specialità ittiche fresche.

500 lire Caravelle 1957 Bandiere Controvento
 

Le scelte vertevano prevalentemente sulle triglie, esemplari di formato medio - piccolo sui 75/100 grammi di peso, che, all’immaginario dell’avventore, rendevano quasi la sensazione di voler sorridere con quelle minuscole pupille traslucide, antenne e sensori di salsedine profumata.

Quattro, in genere, i “pezzi” individuati e acquistati, il corrispettivo pagato pari a 400 (lire), ossia 100 per ciascuno.

trigliadiscoglio
 

E, ogni volta, in casa, si poteva imbandire una cenetta per due, una pietanza succulenta, gustosa, da festa.

Si provi, il giorno d’oggi, un attimo appena, a dare un’occhiata, in pescheria, alla varietà “triglie” di analoga pezzatura: sul cartellino del prezzo, si leggerà da 15 a 25 (euro) il chilogrammo, cioè a dire da ventidue a trentasette volte tanto.

E’ vero, è trascorso tanto tempo, per fortuna le triglie sono ancora adesso squisite come allora.

Tags:
boccadamotrigliecoppiasalento
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.