A- A+
PugliaItalia
Rapporto Svimez: è allarme Sud, desertificazione economica

“I partiti del centrosinistra non possono permettersi di dividersi su tutto, mentre è il Paese ad essere spaccato, tagliato in due dalla desertificazione economica e umana del Mezzogiorno. Basta con le liti di condominio, i cittadini vogliono sapere qual è il nostro progetto per risollevare l’Italia e ridare speranza al Sud, ai giovani, ai lavoratori, alle donne e agli anziani ”. È il monito severo di Onofrio Introna. Il presidente del Consiglio regionale della Puglia legge con preoccupazione i dati appena diffusi dal Rapporto Svimez 2014.

Quei dati, a parere di Introna: “Offrono un’immagine angosciante, quella di un Sud dove si è ripreso ad emigrare, si fanno sempre meno figli e la povertà cresce senza freni: le famiglie totalmente indigenti sono aumentate di due volte e mezzo in cinque anni”. Nel Meridione si concentra l’80% delle perdite di posti di lavoro e il Pil è crollato del 3,5%, oltre il doppio rispetto al Centro-Nord (-1,4%).

Svimes sud
 

“Se noi del centrosinistra per primi non prestiamo ascolto a questi segnali angoscianti - esorta il presidente del Consiglio regionale pugliese - la partita può dirsi persa. E non ce lo possiamo consentire”.

L’attenzione di Introna si rivolge alla realtà regionale. “La crisi ci aggredisce, malgrado tutte le politiche efficaci e innovative messe in campo dalla Regione. La Puglia arretra meno, ma arretra. Se di fronte a questo quadro non ci fermiamo per una pausa di riflessione, ci assumeremo responsabilità gravissime. Non possiamo rispondere ai problemi della gente con le fiammate improvvise intorno a un nome alle primarie o con le polemiche sui prescelti. Né possiamo consentire che le primarie perdano il loro connotato distintivo di festa della partecipazione democratica per degradare a campo di regolamento di conti all’interno di ciascun partito”.

svimez CD
 

I pugliesi hanno bisogno di essere rassicurati sul loro futuro, su quello della nostra economia, dell’occupazione, delle scelte ambientali, “ma ad oggi vedono le forze politiche abbandonarsi a polemiche stucchevoli invece di mettersi al lavoro sui problemi. Non titoli ad effetto sui quotidiani, non risse a mezzo stampa: vogliono fatti, progetti, idee dalla classe dirigente del centrosinistra. I pugliesi chiedono coesione, unità, confronto utile – insiste Introna – dobbiamo renderci conto che questo modo distratto di affrontare il momento più difficile che una comunità abbia mai vissuto dal secondo dopoguerra rischia di finire per cancellare i risultati del buon governo Vendola”.

Svimez eolico
 

Basta con le polemiche, basta con i bracci di ferro, “ciascun partito della coalizione progressista si faccia carico delle proprie responsabilità e si impegni a non altro che a definire una proposta programmatica su cosa intende fare, insieme, per la Puglia e ad indicare il proprio candidato alle primarie”.

introna calre
 

Tenere distinte le questioni politiche nazionali da quelle pugliesi: è un’altra sollecitazione di Introna. “In Puglia dobbiamo difendere, consolidare e, auspicabilmente, allargare la coalizione di centrosinistra che con Vendola ha assicurato dieci anni stabilità politica. Le vicende romane, i riflessi della grave crisi economica, non hanno consentito finora una valutazione comune e un impegno unitario dei partiti di centrosinistra, anche per la mancata condivisione del governo di larghe intese. Quest’ultimo aspetto non può portare in Puglia – conclude il presidente -  ad una rottura del patto tra SEL e PD, che rappresentano due pilastri insostituibili del centrosinistra regionale”.

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
svimezdesertificazionerapportointronaselpdallarme
i blog di affari
Sistemi di raccomandazione in retail ed education con aKite e SocialThingum
di Francesco Epifania
Cav in campo per le Comunali: "Con Salvini intesa su tutto"
"Ecco il nostro compito: un partito repubblicano"
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.