A- A+
PugliaItalia
Regionali, Fitto azzarda: “Gazebo il primo febbraio ed Election Day”

Bari – Raffaele Fitto prova ad inchiodare partito ed alleati: “Bisogna evitare di trovare scuse sui tempi, nel senso che io faccio una proposta. Quella che per esempio, il primo febbraio possa essere data utilissima per celebrare le primarie”. Le aveva ritirate fuori a sorpresa durante il vertice azzurro in Via Capruzzi e neppure il veto degli alleati lo ha persuaso ad ammainare la bandiera: “Poche ore fa il governo ha presentato un emendamento alla legge di stabilità che prevede la possibilità di spostare le elezioni regionali a maggio accorpandole con le Comunali. Mi sembra quindi che non sia più una questione di tempi", rimarca dalla convention forzista brindisina.

Regionali, è guerra di posizione. Fitto tiene sulle primarie/ Fitto non fa nomi: “Schittulli? Meglio le Primarie”

In ballo c’è la volontà precisa di marcare le posizioni, non per impiccarsi all’albero dei gazebo ma per evitare di subire tentennamenti e rallentamenti sull’asse Bari – Roma che lo indeboliscano prima e dopo le urne. Ovvero una exit strategy onorevole in caso di sconfitta, senza doversi intestare in prima persona le insegne della battaglia. “Qui si tratta di dire sì o no alle primarie e bisogna assumersi le responsabilità”, incalza l’ex Ministro, “ritengo che sia necessario fare le primarie, perché così abbiamo la possibilità di portare al voto più persone di quanto non sia stato fatto nel centrosinistra, di rimettere in moto nostro elettorato e creare motivazioni giuste e l'entusiasmo adeguato. Se ciò non sarà possibile, perché c'è chi non vuole, bisogna dirlo chiaramente". Tra coloro che non vogliono, se è per questo, ci sarebbero in primis gli alfaniani, per nulla intenzionati ad immolare nomi e preferenze per legittimare candidati altrui e freschi di endorsement all’oncologo gravinese.

Ma neppure Francesco Schittulli fa i salti di gioia e preferisce continuare a girare in lungo e in largo il Tacco con il suo GiroPuglia, dal momento che - pur volendo posticipare a febbraio il bagno di folla per l’imprimatur popolare - si lascerebbero due mesi di campagna elettorale in solitaria al già designato Michele Emiliano: “Questo girare a vuoto è diventato il lento e lugubre lamento di un centrodestra in agonia”, segna il passo anche Nino Marmo, al quale potrebbe aggiungersi in extremis anche il nome del prefetto del capoluogo Nunziante, per alcuni vagliato nella Capitale. Oltre a quelli di Mario Mauro ed Enzo Magistà. Fitto sventola lo spauracchio del ceffone elettorale in Emilia Romagna e Calabria, quasi a voler replicare a distanza a Giovanni Toti, chiaro nel riportare la chiusura dell’ex Cavaliere sul metodo: “Non penso che ci possano tenere appesi per molto tempo in questo modo”, chiosa sibillino l’ex Governatore, aspettando che sia il tavolo nazionale a prendere formalmente posizione nel braccio di ferro ed avocare la decisione al direttorio romano. A quel punto, se così dovesse finire, chiunque otterrà i galloni dovrà fare i conti con lo spettro dell’uomo calato dall’alto.

(a.bucci1@libero.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
fittogazeboprimarieelection daycentrodestraregionali
i blog di affari
Green Pass più esteso per i guariti dal Covid: appello al Governo
L'opinione di Tiziana Rocca
"No Green Pass esclusi dalla vita sociale come se non fossero cittadini"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Caso Beccaglia: "Io, donna e medico, dico che non è violenza sessuale"
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.