A- A+
PugliaItalia
Regionali, Meloni sceglie Schittulli. Poli Bortone verso lo strappo

Bari – Il colpo di scena non c’è stato e i Fratelli d’Italia di Puglia restano al fianco di Francesco Schittulli: “Il nostro obiettivo è mandare a casa un governo dei poteri forti e su questo facciamo le nostre scelte, ad altri sembra che non interessi più che il centrodestra vinca. Non si può pensare che se Berlusconi litiga con Fitto, noi lo seguiamo", sentenzia Giorgia Meloni dalla Capitale, alla scadenza dell’ultimatum lanciato agli azzurri sulla candidatura alternativa di Adriana Poli Bortone. La condizione posta era una sola: tutta Forza Italia compatta sul nome dell’ex Sindaco di Lecce per chiudere l’accordo ma, nonostante le rassicurazioni del coordinatore regionale, Gino Vitali, il sentiero già stretto si è chiuso a collo di bottiglia, fino a diventare impercorribile. Ed ora la domanda è: Donna Adriana andrà allo strappo definitivo, correndo alla guida dei forzisti anche senza l’appoggio del suo partito?

Schittulli PoliBortone Meloni
 

Il commissario dei berlusconiani tira dritto a testa bassa: “Per noi la candidata si chiama Adriana Poli Bortone”, taglia corto, incassando il niet degli eredi della fiamma. “È una candidatura inclusiva e non esclusiva, aperta al contributo di tutti quelli che sono alternativi alla sinistra. Lo abbiamo detto noi, lo ha detto Salvini, e lo ha detto anche la Poli Bortone”, argomenta, dopo aver incrociato le spade con gli stessi ex aenne durante il giorno: “FI non è andata via dalla coalizione per propria volontà, ma è stata letteralmente messa alla porta dal candidato presidente, che si è messo - cosa mai vista prima - a fare il padrone in casa degli altri, pretendendo di imporre al sottoscritto e al presidente Silvio Berlusconi i nomi dei candidati da inserire nelle liste del nostro partito”, ha rimbrottato a muso duro ad Edmondo Cirielli, riservando stilettate avvelenate agli ormai ex colleghi di coalizione. “Siamo stati platealmente e pubblicamente cacciati dalla coalizione, senza che nessuno dei nostri ex alleati abbia fatto alcuno sforzo per impedire questa ingiustizia. Ora trasecolano e si chiedono come mai FI sostenga un altro candidato presidente. Probabilmente speravano in una nostra resa incondizionata”, sbotta l’avvocato francavillese.

Il cerino, ora, è tutto nelle mani dell’ex Signora di Palazzo Carafa e la riserva non è ancora sciolta: “Prima di assumere una decisione consulto almeno le persone più vicine. Quelle che so che possono avere dei riflessi delle scelte che si fanno. Adesso sentiremo e vediamo cosa fare”, si limita a commentare a stretto giro, facendo presente di aver raccolto le confidenze di molti esponenti del partito intenzionati a non scendere in campo nelle liste di FdI. Il barese Marcello Gemmato tenta l’ultima mediazione: “Le chiediamo di ritirare la sua candidatura e convergere sul professore Schittulli”, invoca in conferenza stampa ma il dado sembra tratto e l’impressione è che la rottura sia quasi consumata, a prescindere dall’eventualità che il futuro della pasionaria salentina sia sotto il simbolo di Io Sud o le insegne dell’ex Cavaliere. La candidata in pectore alza il tiro: “Arrivo terza? Mi dispiace che Giorgia Meloni abbia così poca fiducia in un esponente dell’ufficio di presidenza del suo partito. Che peccato”.

(a.bucci1@libero.it)

Tags:
melonipoli bortonestrapposchittulli
i blog di affari
Lions Club Lecce ringrazia azienda di Bergamo
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.