A- A+
PugliaItalia
Renzi a Bari per Decaro sindaco Ignorati gli europei pugliesi

di Antonio V. Gelormini

Colpo d’occhio indubbiamente notevole, soprattutto dall’alto dei balconi di chi non ha voluto perdere l’occasione per testimoniare una protesta centrata su una richiesta binaria: “Meno Stato, meno tasse”. Via Alberto Sordi era stipata di simpatizzanti e sostenitori del Partito Democratico, arrivati dalla città, dalla provincia e da tutta la regione per ascoltare il leader del Pd e Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, venuto per lanciare la volata finale al candidato sindaco del centrosinistra a Bari, Antonio Decaro.

Grillo ci avrebbe “inzuppato il biscotto”, come dicono da queste parti, nel fotografare la kermesse all’ombra di un Teatro Petruzzelli che presenta in cartellone l’opera di Ruggero Leoncavallo “I Pagliacci”, con la regia di Marco Bellocchio, ma ad incrinare una serata di festa e di bandiere sventolate ci pensa lo stesso Renzi o, forse, proprio la regia dell’evento. Entrambi non prevedono, né invitano sul palco, i candidati pugliesi alle Europee: prima fra tutti Elena Gentile (notata fra i dirigenti nei pressi del palco), ma nel contempo presentano en passant la capolista Picerno, che non spiccicherà una parola (che dicasi una…). Ben altra cosa rispetto ai tempi in cui il capolista si chiamava Massimo D’Alema o Paolo De Castro.

Decaro Renzi palco
 

Per il resto tutto come da copione, per serate di grande motivazione come queste. Michele Emiliano, che tradisce una velata commozione, si congeda dai suoi baresi citando Checco Zalone e il cuore biancorosso, e passando il testimone al candidato e suo “assessore competente”, Antonio Decaro: “La forza della sinistra è nella sua capacità di dividersi i compiti, nel saper comunicare come da Bari abbiamo fatto noi sin dalla prima grande sfida, che mi vide coinvolto 10 anni fa e oggi Proforma lo fa anche per il segretario del partito. Di avere tra le proprie risorse gente preparata, brava e amata proprio come Antonio Decaro, che scelsi come assessore in base a un curriculum, perché da noi quello che conta è il merito”.

Unica nota insolita e sorprendente i toni più aggressivi, tipici da campagna elettorale, assunti per l’occasione da Antonio Decaro, che comincia il suo intervento con una serie di stoccate all’avversario Di Paola sia ‘sulle scarpe pulite con lo champagne’, sia sull’evanescenza di un programma, ‘perché di più contano le persone e quello che hanno fatto’,  per poi avvertire: "Il 25 maggio ci giochiamo una partita decisiva. Allora chiamate i vostri amici indecisi, leggete loro il nostro programma, o gli impegni che ho scritto qui, per i primi cento giorni di governo e sfidateli a trovare negli altri candidati qualcosa di più credibile”.

Silenzio assoluto della Picerno, mentre Matteo Renzi - acclamato dalla folla – non smentisce la sua capacità di esaltarla: "Io sono qui con Antonio Decaro ad affermare che non c'è attività più bella e più grande del fare politica. La politica non è una cosa brutta, sono i politici che rubano che devono essere mandati a casa. La politica è la piazza, come diciamo sempre io ed Antonio. La politica è una pista ciclabile, un'azienda che rischia di chiudere e invece viene salvata. Questa è la politica".

Carrieri balconi
 

Tutti in camicia all’americana e subito dopo un vero e proprio bagno di folla, per Renzi, Decaro e Emiliano, che manda all’aria ogni misura di sicurezza per il Presidente del Consiglio. E nell’abbraccio di folla Decaro aggiunge: “Sono orgoglioso della mia città e dei miei concittadini. Ancora una volta Bari ha risposto in maniera splendida alla nostra presenza e soprattutto alla presenza del Presidente del Consiglio, che ringrazio in veste istituzionale e personalmente come amico. Avere il suo sostegno per me è stato fondamentale sin dall'inizio, dal giorno in cui nella sua stanza a Roma mi disse "Fare il sindaco della tua città è il lavoro più bello del mondo. Adesso devi pedalare”. Spero di avergli dimostrato oggi che stiamo pedalando tutti insieme e che Bari non lo deluderà".

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
renzidecaroemilianobarigentileeuropeipugliesi
Loading...
i blog di affari
Covid, lo smart working è il paradiso soltanto per i gruppi dominanti
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Lotta contro il razzismo, l'ennesimo strumento di controllo del tecnocapitale
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Riminaldi incontra il Guercino e i giganti del Barocco
Gian Maria Mairo
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.