A- A+
PugliaItalia
Riforma Iacp - Il gruppo Pdl/FI presenta la sua proposta

Un’agenzia unica regionale articolata in sei unità operative territoriali (una per ogni Provincia) in alternativa alle cinque Arca (Agenzie regionali per la casa e per l’abitare) previste dal Governo regionale nel disegno di legge riguardante la riforma degli Iacp (Istituti autonomi case popolari). Questa la contro-proposta del gruppo consiliare PdL/FI, presentata nella sede del Consiglio regionale della Puglia, dal capogruppo Ignazio Zullo insieme al vice-presidente vicario Saverio Congedo, ai consiglieri Nino Marmo, Antonio Scianaro, Antonio Barba, e al vice coordinatore regionale PdL, Antonio Distaso.

“Obiettivo del provvedimento - ha spiegato Zullo - è tagliare i costi relativi alle "poltrone" derivanti dalla nascita delle 5 agenzie, consentendo un risparmio netto per la Puglia di 1 milione e 166mila euro annui: prevedendo un’agenzia unica si eviterebbero le spese per ulteriori 4 amministratori unici, 4 direttori generali e altrettanti collegi dei sindaci (per un totale di 1 milione e 180mila euro) a cui va sottratto il costo dell’Organismo indipendente di valutazione (circa 14mila euro). Inoltre, le sei unità territoriali (una anche per la Bat) consentirebbero non solo una migliore distribuzione delle risorse, ma non comporterebbero costi aggiuntivi in quanto sarebbero amministrate da un dirigente già in servizio”.

Un beneficio non solo economico, ma soprattutto in termini di efficienza e di efficacia dell’azione amministrativa: “la previsione di un’agenzia unica consentirebbe - secondo il capogruppo PdL/FI - maggiore omogeneità di interventi sul territorio e le risorse risparmiate potrebbero essere destinate alle politiche abitative, ambito che in questo particolare momento di crisi economica e sociale, necessita del maggior impegno possibile”.

A sottolineare l’approccio costruttivo dell’attività politica del gruppo consiliare, il vice-presidente vicario Saverio Congedo che ha rimarcato l’importanza della riforma “nella misura in cui il riordino degli enti è funzionale all’esigenza di dare risposte concrete alle emergenze sociali, tra cui quella abitativa”.

“Se da un lato infatti - ha puntualizzato Congedo -  è necessario affrontare con rigore il problema della morosità degli inquilini degli Iacp, dall’altra la Regione dovrebbe sostenere coloro che sono vittime incolpevoli della crisi, intervenendo sul Fondo di garanzia per le emergenze”

Iscriviti alla newsletter
Tags:
iacppdlregione pugliaproposta
i blog di affari
LIBRI/ Il Grand Tour di Stefano Veraldi, dermatologo vagabondo
Di Ernesto Vergani
Vaccini obbligatori ai bambini, che cosa fare quando l'ex coniuge si oppone
di Avv. Maria Grazia Persico*
Green Pass, uno strumento di discriminazione e di controllo biopolitico
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.