A- A+
PugliaItalia
VARANO Capoiale
Il comprensorio lagunare del Gargano è un luogo d’eccellenza, un posto che ci viene invidiato da tutta l’Europa (lo sapete che la Capitanata è tra i territori con la maggior concentrazione di zone umide del vecchio continente?). È un concentrato di risorse ambientali e paesaggistiche, nonché di potenzialità produttive da straordinaria valenza (non è un caso che qui il CNR ha voluto costituire una sua sede che si occupa di scienze marine e biologia lagunare). In una parola, è una formidabile risorsa da investire nella prospettiva di un nuovo e diverso modello di sviluppo, maggiormente orientato sulla sostenibilità e sulla intelligente utilizzazione delle risorse del territorio.
 
Qualcosa si sta finalmente muovendo. Accanto a piccole imprese d’eccellenza, che stanno sperimentando modelli produttivi molto avanzati (come la Gargamelle s.r.l. di Cagnano Varano, che ha rilanciato la produzione della moleca, il granchio molle del Gargano, (vedi articolo correlato, ndr)  anche le istituzioni locali si stanno attrezzando nel tentativo di fare sistema.
 
Un ruolo importante in questa direzione potrebbe essere svolto dal Gruppo d’Azione Costiera “Lagune del Gargano s.c.ar.l.”, raggruppamento di soggetti pubblici e privati che mette assieme i quattro Comuni territorialmente interessati nella zona di pesca (Cagnano Varano, Ischitella, Lesina e San Nicandro Garganico), la Camera di Commercio, associazioni di categoria e portatori di interessi.

Il Gruppo nasce all’interno di un modello previsto dell’Unione Europea, e opera nel quadro di una strategia globale di sostegno all’attuazione degli obiettivi della Politica Comune della Pesca.

Varano CroceCristo
Il GAC ha il compito istituzionale di sostenere la realizzazione di un sistema di sviluppo locale integrato, basato sulle risorse produttive, ambientali e culturali locali attraverso il consolidamento dell’assetto politico – economico - sociale esistente e favorendo la partecipazione di tutti gli attori ai processi decisionali sulla corretta gestione della pesca e gli aiuti alle imprese. Potrebbe dunque diventare un attore strategico nella sperimentazione del nuovo modello di sviluppo di cui si è detto prima.
 
Il GAC finanzia azioni in materia di sviluppo sostenibile e miglioramento della qualità della vita nelle zone di pesca attraverso l’attuazione del PSC - Piano di Sviluppo Costiero, con i fondi previsti dall’Asse IV, Misura 4.1 “Sviluppo sostenibile delle zone di pesca” del P.O. F.E.P. 2007-2013.
 
Per sensibilizzare il territorio sulle opportunità offerte dal nuovo soggetto, il GAC sta organizzando dei seminari di presentazione delle sue iniziative. Dopo la prima, svoltasi qualche giorno fa a Lesina, presso il Centro Visite del Parco Nazionale del Gargano, martedì toccherà a Cagnano Varano (ore 17.00 presso la Sede del Comune).
 
Con i sindaci dei Comuni – Pasquale Tucci e Nicola Tavaglione – il Presidente del GAC, Eliseo Zanasi, e il Direttore Tecnico GAC, Monica Contegiacomo, illustreranno i Bandi per la presentazione a finanziamento di progetti nell’ambito delle azioni: 4.1.a.1 “Investimenti produttivi nel settore dell'acquacoltura" e 4.1.a.4 " Progetti Pilota".

Per il comprensorio lagunare del Gargano potrebbe cominciare una stagione nuova.
 
(letteremeridiane.blogspot.it)
Iscriviti alla newsletter
Tags:
garganovaranolagunesviluppoparco
i blog di affari
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
DONAZIONI DI SANGUE, AIUTI E PROGETTI PER AGRICOLTURA E BIOGAS
Boschiero Cinzia
Atti fiscali illegittimi: Convegno a Milano il 20 maggio
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.