A- A+
PugliaItalia

 

vendolagentile3Bari - “Finalmente, dopo che abbiamo portato modernità, strutture e macchinari nelle nostre Asl e nei nostri ospedali, ora possiamo portare medici e infermieri”. A stretto giro di posta dal blitz di Elena Gentile nei nosocomi pugliesi e mentre più di qualche poltrona da direttore Generale scricchiola alle indiscrezioni di un possibile rimpasto, l’annuncio: ottenuta dal Governo la deroga per lo sblocco del turn over e assunzione prevista per 1600 unità tra medici ed infermieri entro l’estate, 800 dei quali al lavoro già dai prossimi giorni.
 
 
Un gioco di treni da prendere in tempo non indifferente, legato a doppio filo all’uscita della Puglia dal Piano di Rientro imposto dalla Capitale e che coinciderà con il varo di un nuovo piano strategico da adottare a mani libere. A dare i dettagli è la neo titolare del dicastero già di Attolini e Fiore: “particolare attenzione” a Taranto, dove sono già in assunzione 315 operatori, e ulteriori 445 unità in tutte le Aziende sanitarie locali della regione grazie al patto siglato dal Ministero. “Prediligeremo le emergenze-urgenze”, chiarisce, spiegando la linea da adottare prima che la macchina possa essere a pieno regime, ed  in cima alla lista c’è il Policlinico di Bari. Poi rilancia sui 46 milioni di euro risparmiati dall’Ente di Via Capruzzi, stanziati in bilancio, e promette battaglia: “Saremo forti e autorevoli contro chi ha trovato utili approdi nel sistema, sottraendo capacità e lavoro nei reparti, individueremo le sacche di imboscamento”.
 
 
Quando prende la parola il Governatore l’opposizione non ha ancora aperto il fuoco, sollevando sibillina “il dubbio sulle procedure che verranno utilizzate per queste 1600 assunzioni, a cui non fanno accenno né il Presidente né l’assessore”, ma il Rivoluzionario Gentile è ugualmente un fiume in piena e attacca a testa bassa, ripartendo proprio dal “comma Puglia” dell’estate 2010 che anticipò, a colpi di tagli e chiusure, restyling dell’intero sistema e blocco del turn over: “Un Piano di rientro architettato per rendere la mia Amministrazione responsabile di ciò che ci veniva imposto da Roma”, manda a dire, a distanza di due anni, al “Governo Fitto-Tremonti”, “in un contesto in cui il Ministro dell’Economia indicava la Puglia a rischio Grecia, cercando di prenderci a calci e metterci in difficoltà”. E non risparmia l’affondo: “Questo è stato il modo di opporsi al Governo Vendola da parte del centrodestra; una pistola puntata alla tempia della Puglia, con l’obiettivo di giocare la ricostruzione del sistema di consenso del centrodestra, per due volte battuta, provocando il collasso della sanità pugliese”.
 
 
L’ex Ministro di Maglie non se lo fa ripetere e nel pomeriggio replica a muso duro: “Dimentica che è lui a governare la Puglia da 8 anni”, e “che quando firmammo il Piano di Rientro dette atto al nostro Governo di aver aiutato la Puglia a sbloccare finanziamenti aggiuntivi per il sistema sanitario”. A quel punto, però, il Masaniello terlizzese ha già stretto i ranghi e guardato a Dg e governances delle Asl: “Ognuno da oggi, e più di ieri, è responsabile delle azioni che compie. Non saranno ammesse sciatterie e distrazioni”. E la prossima settimana il vertice con i sei manager.
 
(a.bucci1@libero.it)
Iscriviti alla newsletter
Tags:
sanitàvendolagentileturn overassunzionimedicipugliabonomosan paoloospedale
i blog di affari
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
DONAZIONI DI SANGUE, AIUTI E PROGETTI PER AGRICOLTURA E BIOGAS
Boschiero Cinzia
Atti fiscali illegittimi: Convegno a Milano il 20 maggio
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.