A- A+
PugliaItalia

Sessione europea 2014 – Sintesi dell’intervento del presidente del Consiglio regionale Onofrio Introna

“Siamo, a detta di tanti, una delle Regioni più europee d’Italia. Ed è un risultato conseguito dal Governo Vendola che in questi anni ha avuto il merito di avere guidato la Puglia a diventare senza dubbio la più europea regione del Mezzogiorno ed una delle più moderne, attive e propositive nell’intero scenario nazionale”.

E’ uno dei passaggi politici più significativi contenuti nell’intervento svolto dal presidente del consiglio regionale Onofrio Introna che tra i risultati conseguiti ha inserito la gestione e la tutela dell’ambiente, le politiche in materia di fonti rinnovabili, la salvaguardia dell’equilibrio ecologico e la riduzione delle emissioni inquinanti in atmosfera, tutti esempi di un modello da esportare in Europa.

“Successi che si devono alle politiche, ai programmi, al coraggio di alcune scelte legislative, che hanno adottato parametri più severi di quelli europei e anticipato le stesse previsioni normative comunitarie” – ha aggiunto Introna.

Altro tema toccato dal presidente del Consiglio regionale, inefficienza della mobilità su rotaia, che stride con l’elevata efficienza raggiunta dal sistema aeroportuale regionale, un traguardo toccato grazie a politiche di sviluppo direttamente sostenute dalla Regione anche con risorse finanziarie autonome, oltre che con specifici programmi.

Ulteriore argomento, quello ambientale connesso con le risorse energetiche ed a proposito Introna afferma che “il dialogo con gli organi europei vede protagonista anche il Consiglio regionale, sempre compatto sui temi ambientali.

È partita da noi la richiesta a Bruxelles di adottare decisioni coerenti con gli orientamenti comunitari contro le ricerche petrolifere nel Mediterraneo europeo. Con una voce sola e col sostegno della Conferenza nazionale dei Presiedenti di tutti i Consigli italiani, abbiamo sollecitato l’Unione a pronunciarsi per la moratoria delle prospezioni e trivellazioni di idrocarburi sottomarini. Per questo, rinnoviamo l’appello ai Parlamentari europei pugliesi e italiani a sostenere l’Istituzione consiliare e i cittadini nella campagna No Triv che vede unita l’intera Puglia.”

Al di la delle politiche di sviluppo c’è l’auspicio di Introna per quella che è l’ideale di Europa da raggiungere: “quella che vogliamo è un’Europa dei popoli e dei diritti, un’Europa che promuova una società democratica aperta e solidale, forte dei valori comuni, dell’identità e della cittadinanza europea. Vogliamo un'Europa che valorizzi le Regioni e i suoi enti territoriali, una sfida difficile che va affrontata con tutti i mezzi a nostra disposizione, con entusiasmo e con la giusta consapevolezza della posta in gioco”.

Tags:
intronasessioneeuropapugliaconsiglio regionale
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.