A- A+
PugliaItalia
Stefàno: 'Da Gallipoli per rivedere modello turismo'

"Gallipoli ha tutto ciò che serve per essere da sola la cartolina di tutta la Puglia, poiché riunisce gli ingredienti che fanno della nostra regione una meta turistica di successo: mare cristallino, bellezze storiche e monumentali, cucina d'eccellenza, tradizioni. Oggi, dopo episodi e polemiche che hanno avuto eco nazionale, ci offre l'occasione per riflettere più in generale sul modello di turismo che vogliamo non solo per il Salento, ma per tutta la Puglia. C'è un turismo giovanile e c’è un flusso turistico entrambi vanno qualificati e indirizzati".  Lo dichiara il senatore Dario Stefàno al termine della visita a Gallipoli, per seguire "personalmente gli effetti di quanto nei giorni scorsi raccontato dagli organi di stampa ed dal web". Nel corso del suo giro ha visitato il Castello, il centro storico e ad alcune strutture turistiche e balneari, per poi incontrare alcuni operatori del settore ed il sindaco  Francesco Errico.

“Gallipoli – ha sottolineato Stefàno - come altre località pugliesi soffre paradossalmente del suo successo: il boom di presenze che, soprattutto in agosto s'è avuto, ha rivelato limiti e insufficienze, sul fronte sicurezza, ordine pubblico, pulizia, decoro, su cui occorre impegnarsi e lavorare oltre quanto s'è fatto finora, facendo bene ciascuno il proprio compito".

Gallipoli Città Vecchia
 

"Criminalizzare l'amministrazione comunale o colpevolizzare gli operatori non ci aiuta ad affrontare il problema. Ma sarebbe un errore anche banalizzare le emergenze confidando sul solo appeal come garanzia di analogo successo futuro. Comprendo lo sconforto del sindaco Errico, chiamato a difendere l'immagine di una comunità offesa da episodi volgari. Ma lui comprende, da amministratore serio, che lavorare sulle criticità è il modo più serio di rispondere alle critiche. Sapendo di non essere solo, poiché è interesse di tutta la Regione avere località che confermano l'immagine di una terra accogliente, ben organizzata, con servizi di qualità”.

“La domanda che ci dobbiamo porre è: qual è il modello di turismo che vogliamo? Da qui partiamo. Dobbiamo essere pronti ad investire su asset diversi che siano utili a promuovere aspetti culturali e identitari dei nostri luoghi simbolo. Come l’enogastronomia, l’arte, i borghi rurali, la cultura del mare e della pesca, insieme ai Gac, i gruppi di azione costiera. Proseguendo e rafforzando anche l’impegno ed il lavoro svolto da Puglia Promozione ".

"Penso alle spiagge come palcoscenici per eventi legati al cinema, alla musica, che ci aiutino insomma ad indirizzare e qualificare il turismo giovanile. Sono spunti, parliamone, riflettiamo insieme. E' questo il momento per rivedere, correggere, migliorare un modello che ci accompagnati  sin qui e che ora va aggiornato anche alla luce di ciò che è successo, che nel frattempo è cambiato". 

"Una riflessione complessiva - conclude Stefàno - che metta dentro tutti gli aspetti critici che hanno caratterizzato il Salento: chiediamoci ad esempio perché Club Med, il primo operatore internazionale a venire nel Salento negli anni ’70, abbia tolto Otranto dal proprio pacchetto turistico. Oppure perché molte strade di campagna sembrino discariche. Quella del turismo è una crisi di crescita: avviene perché la Puglia negli ultimi dieci anni ha affascinato e attratto l'immaginario collettivo. Da qui bisogna ripartire, studiando con gli operatori e con i cittadini come venire a capo di una complessità che non deve deprimere l'innovazione”.

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
stefànoturismogallipolimodello
i blog di affari
Green Pass più esteso per i guariti dal Covid: appello al Governo
L'opinione di Tiziana Rocca
"No Green Pass esclusi dalla vita sociale come se non fossero cittadini"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Caso Beccaglia: "Io, donna e medico, dico che non è violenza sessuale"
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.